breaking news

Siracusa| Encomi ai vigili urbani coraggiosi

20 Gennaio 2017 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Encomi ai vigili urbani coraggiosi
Cronaca
0

Stamattina il tradizionale schieramento in Piazza Duomo come da tradizione in coincidenza coi festeggiamenti del copatrono San Sebastiano, protettore dei Vigili Urbani. Encomi agli agenti per il loro coraggio. Multe? Quasi un milione di euro.

medical-300x250Erano le 10  quando lo schieramento in piazza Duomo dei reparti sono stati passati in rassegna dal sindaco Giancarlo Garozzo, dall’assessore alla Polizia Municipale, Dario Abela e dal comandante, Salvatore Correnti. Alle 10,30 la celebrazione della santa messa, presieduta dall’arcivescovo monsignor Salvatore Pappalardo,  nella chiesa di Santa Lucia alla Badia.  Al termine sono state consegnate le benemerenze al personale che si è distinto per particolari azioni nel corso dell’anno 2016. Domani  il Gruppo Teatrale della Polizia Municipale, composto esclusivamente da appartenenti al Corpo, che festeggia nell’occasione il decimo anno dalla fondazione, si esibirà nella sala di via delle Vergini, mettendo in scena “Le farse di Peppe Nappa” opera comica di Alfredo Danese. Si ricorda, inoltre, che per la processione di domenica 22, come ormai da tradizione, sono stati invitati i rappresentanti dei Corpi di polizia Municipale dei comuni della provincia, che sfileranno con i rispettivi gonfaloni. Nel tratto compreso fra la cappella di San Sebastianello (Porta Marina) e largo XXV Luglio, il simulacro sarà portato in spalla dai vigili urbani appartenenti a tutti i comandi della provincia. Queste le motivazioni degli encomi 2017.  Ispettore Capo Nicola Cusumano: <<Per il coraggio, la prontezza di spirito e l’attaccamento al dovere posti in essere il giorno 19 aprile 2016 quando, libero dal servizio, interveniva per bloccare l’autore di una rapina ai danni di una donna anziana, riuscendo a porre l’uomo in stato di fermo fino al sopraggiungere di una pattuglia della Polizia di Stato unitamente alla quale procedeva all’arresto in flagranza di reato del malfattore. Ispettore Capo Angelo Tarantello. <<Per la generosità, la capacità professionale e le spiccate doti umane, dimostrate il 22 marzo 2016 quando, intervenuto in via Agrigento per un incidente stradale autonomo, si accorgeva che il conducente del mezzo era stato colto da un grave malore e prontamente gli praticava un massaggio cardiaco che lo manteneva in vita fino all’arrivo dei soccorsi medici.>>  Ispettori Capo Orazio Pulvino e Giovanna Di Benedetto. <<Per lo spirito di iniziativa, la generosità e le doti umane denotate il giorno 20 giugno 2016, quando accedevano, con l’autovettura di servizio, alla pista ciclabile, dove l’autoambulanza era impossibilitata ad intervenire, per portare il medico del 118 a dare soccorso ad un uomo che giaceva riverso per terra. L’uomo veniva successivamente caricato sul veicolo di servizio e condotto fino all’autoambulanza che lo trasportava in ospedale.>> Ispettore Capo Salvatore Guglielmino, Ispettore Salvatore Riolo e Assistente Capo Paolo Di Fiore. “Per la prontezza di spirito e la determinazione con la quale, il giorno 26.09.2016, verso le ore 2:30 del mattino, a sprezzo del pericolo per l’incolumità personale, decidevano di attraversare, con l’autovettura di servizio, un tratto di strada che l’autoambulanza del 118 era impossibilitata a percorrere, in quanto totalmente invaso dalle acque di un torrente straripato per le intense piogge, al fine di portare soccorso ed accompagnare in ospedale una giovane donna in stato di gravidanza che accusava un malore”.  Ispettore Capo Angelo Milazzo: “per lo spirito di iniziativa, la generosità, il lodevole senso del dovere e, non ultima, la spiccata capacità investigativa con cui ha messo a punto una procedura che ha consentito l’individuazione delle salme di 21 dei 24 migranti recuperati senza vita a seguito del naufragio del 24 agosto 2014. Il metodo applicato ha suscitato il plauso della stampa nazionale e l’interesse dell’ateneo di York che l’ha inserito tra le procedure studiate per il progetto “Mediterranean Missing”. Ispettori Capo Salvatore Guglielmino e Carmelo Pugliara: “Per la prontezza di spirito con la quale, il giorno 2.11.2016, si adoperavano, sia pure con attrezzi e mezzi di fortuna, riuscendo a liberare una bimba di soli 3 anni rimasta chiusa all’interno del veicolo dei genitori i quali, colti dal panico perché le chiavi erano rimaste nel veicolo stesso, non riuscivano a risolvere il problema. Episodio che ha suscitato il plauso dei numerosi astanti e della stampa locale”. Ispettore Capo Salvatore Bianca e Assistente Capo Paola Inturri: “Per la prontezza di spirito e l’attaccamento al dovere con cui, il giorno 17.12.2016, ricevuta la segnalazione di un cittadino, rincorrevano lungo il corso Matteotti un giovane che si era reso responsabile di furto ai danni dei dipendenti dell’I.N.D.A., riuscendo a fermarlo ed a condurlo presso l’Ufficio di P.G. del Comando per le ulteriori procedure di legge”.  Elogio Speciale ai componenti della Sezione Infortunistica Stradale: “Per la perspicacia, l’iniziativa e le spiccate doti investigative e relazionali dimostrate nella conduzione delle indagini relative al grave incidente stradale verificatosi il 14.12.2016 lungo la S.S.115, nel quale un giovane ha perso la vita, grazie alle quali è stato possibile giungere all’individuazione, al rintraccio ed al deferimento all’Autorità Giudiziaria del pirata della strada che dopo l’incidente si era dato alla fuga”.  Consegnato inoltre l’Attestato di Civica Benemerenza concessa dall’Amministrazione per il profondo senso del dovere, lo spirito di abnegazione e sprezzo del pericolo al servizio della comunità, all’Ispettore Principale Stefano Di Mauro, insignito già dell’Encomio Solenne, a seguito dell’azione compiuta il 4 gennaio 2016, quando non ancora in servizio, interveniva nei pressi di un ristorante dove si era introdotto un uomo armato di fucile. Prestava soccorso ad una persona aggredita dal criminale riuscendo a farsi consegnare il coltello ed il fucile dal soggetto armato che si dava alla fuga. In collaborazione con le altre forze di polizia intervenute l’aggressore veniva successivamente fermato.medmoda new 650x

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com