breaking news

Augusta| Fondi regionali per i precari di Augusta e Siracusa in erogazione

Augusta| Fondi regionali per i precari di Augusta e Siracusa in erogazione
Politica
0

L’assessorato regionale delle Autonomie locali ha disposto l’erogazione di un contributo pari a 145,707,69 euro per il Comune di Augusta e un somma di 76.712,25 euro per il Comune di Siracusa facendo seguito ai commi 6 e 7 della Legge Regionale 5 del 31 gennaio 2014. Lo rende noto Vincenzo Vinciullo.

La Legge 5 – spiega l’ex deputato all’Assemblea regionale siciliana –  aveva previsto che, per compensare gli squilibri derivanti dall’applicazione delle disposizioni di legge che aveva abrogato tutte le norme in favore dei lavoratori appartenenti al regime transitorio dei lavori socialmente utili, era istituito un fondo straordinario per la salvaguardia degli equilibri di bilancio, da ripartire con decreto dell’assessorato, fermo restando la dotazione complessiva delle risorse del contributo già concesso per ogni singolo lavoratore alla data del 31 dicembre 2013.

vinciullo vincenzoCon le Leggi regionali del 17 marzo 2016 numero 4 e del 29 dicembre 2016, numero 27, nonché con le leggi regionali 8 e 9 del 2017, di cui sono stato relatore e con la Legge regionale 16 del 11 agosto 2017, di cui sono stato sempre relatore, sono stati stanziati per questa finalità quasi 42 milioni di euro. Con il decreto odierno, vengono assegnati ai Comuni 10.474.205,9 euro e cioè esattamente le somme per il primo trimestre  relativo all’anno 2018. Sia chiaro – continua Vinciullo – che le somme sono state previste anche per il 2019 e non possono subire, a prescindere dalla volontà di ognuno di noi, operazioni né in aumento né in diminuzione, in quanto trattasi di somme certe, già inserite in ben 6 leggi approvate dal Parlamento regionale, che fanno riferimento ai diritti dei lavoratori già inseriti nel regime transitorio dei lavori socialmente utili che non possono assolutamente essere messi in discussione da alcuno. Con  questo provvedimento conclude Vinciullo si rende operativa, ancora una volta, un’azione legislativa portata avanti dalla commissione Bilancio, di cui ero presidente, che ha stabilito, in maniera equa ma anche assolutamente corretta, un percorso che si concluderà il 31 dicembre 2019 con il pagamento di tutte le spettanze dovute ai lavoratori, anche per il 2018 e 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com