breaking news

Lentini | Costretti a raggiungere a piedi l’ospedale, anziani sul piede di guerra

15 Giugno 2018 | by Silvio Breci
Lentini | Costretti a raggiungere a piedi l’ospedale, anziani sul piede di guerra
Attualità
3

La fermata dei pullman del trasporto pubblico nei pressi della rotatoria continua a creare disagi. I presidenti dei centri anziani dei tre Comuni scrivono ai sindaci, all’Asp e alla Regione e minacciano una manifestazione di protesta.

A piedi verso l’ospedale, fatica insostenibile. Percorrere oltre 200 metri in salita partendo dalla rotatoria a ridosso della strada provinciale, dove i pullman dell’Ast effettuano la fermata. È la fatica cui devono quotidianamente andare incontro quanti, soprattutto anziani non automuniti e affetti dalle patologie tipiche dell’età avanzata, devono raggiungere l’ingresso dell’ospedale. Un problema che si trascina da tempo e ancora senza una soluzione, più volte sollecitata da Spi-Cgil, Tribunale per i diritti del malato e associazioni di volontariato.

Lettera a sindaci, Asp e Regione. A prendere carta e penna e a scrivere ai vertici dell’Asp, all’assessore regionale alla Salute, al presidente della Regione e ai sindaci del comprensorio per chiedere risposte concrete sono adesso i presidenti dei centri anziani di Lentini Sebastiano Ventura, di Carlentini e Carlentini Nord Giuseppe Fuccio e Placido Aiello e di Francofonte Giuseppa Piccione.

«Gli anziani rischiano di lasciarci la pelle». Nella lettera parlano di «rammarico per come sono trattati i cittadini più bisognosi che devono raggiungere l’ospedale» e sottolineano come «non sia né giusto né umano far percorrere 200 metri in salita a persone che, anche per il caldo, rischiano di lasciarci la pelle prima ancora di arrivare all’ingresso della struttura sanitaria».

Pronta manifestazione di protesta. «Purtroppo – scrivono i presidenti dei centri anziani, che minacciano una manifestazione di protesta – i parcheggi selvaggi impediscono agli autisti dei pullman dell’Ast di raggiungere l’ingresso dell’ospedale».

© Riproduzione riservata

3 Comments

  1. Elena says:

    Purtroppo questo e’un classico caso Italiano che noi subiamo consapevolmente con rassegnazione, senza agire di conseguenza.Quindi di cosa ci meravigliamo o ci indigniamo se per prima noi stessi cittadini non scendiamo in piazza per denunciare tutto cio’.

  2. Loredana Ippolito says:

    Proviamo ad immaginare un paziente che ha problemi alle gambe, ai piedi ed ha un appuntamento con l,ortopedico o un paziente con problemi repiratori… sarebbe mai capace di raggiungere l’entrata? Mettiamoci nei panni di tutti gli anziani che vi di recano in autobus

  3. Loredana Ippolito says:

    E’ estremamente vergognoso, disumano e del tutto inconcepibile che un paziente o visitatore che sia, sia costretto a farsi l’intera salita per raggiungere l’entrata dell’ospedale specie in hiotnste di pioggia e mal tempo o sotto altissime temperature. INACCETTABILE E INCONCEPIBILE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com