breaking news

Augusta| “Cuori connessi” progetto per i genitori degli alunni del Principe di Napoli.

26 Ottobre 2018 | by Redazione Webmarte
Augusta| “Cuori connessi” progetto per i genitori degli alunni del Principe di Napoli.
Attualità
0

Grande successo e partecipazione per il modulo “Cuori Connessi”, quale azione del Pon. 2014-2020 Inclusione sociale e lotta al disagio scuola estesa, destinato ai genitori del I Istituto Ccmprensivo “Principe di Napoli”,  diretto da  Agata Sortino.

Il progetto Pon è stato condotto dall’esperto Francesco Cannavà, psicologo, in dinamiche giovanili e familiari e nella gestione dei rischi psico-sociali connessi alla navigazione in rete, con la competente collaborazione della docente-tutor Patrizia Fangano.  “Il modulo nasce dalla necessità emergente di informare e formare i genitori e gli insegnanti sulle dinamiche psicologiche, emotive, relazionali, sociali prodotte o condizionate dall’utilizzo dei mezzi informatici connessi alla rete. Dalle chat, ai profili facebook, alla navigazione, all’utilizzo di videogames  – spiega Patrizia Fangano – è stata data una panoramica degli effetti sulla mente, sul comportamento e sulle relazioni, con particolare risonanza ai benefici ed ai rischi connessi alla navigazione.

Nel corso delle trenta ore del modulo, suddivise in otto incontri due volte a settimana  programmate  dal settembre al mese di ottobre, i genitori hanno potuto confrontarsi e sperimentare in classe e in attività esterne l’utilizzo responsabile e non della tecnologia connessa alla rete. Mediante tecniche d’aula efficaci ed interattive e linguaggio tecnico offerto in modo comprensibile e coinvolgente, il formatore ha coinvolto attivamente i corsisti, che rispondendo con entusiasmo e presenza costante, hanno acquisito competenze che spaziano dalle capacità di confronto con la generazione dei “nativi digitali”, alla capacità di reperire informazioni in  rete, di riconoscere i segni di disagio provenienti da eventuali dinamiche disturbanti dei propri figli ed alunni originate dalla navigazione in rete, all’acquisizione e al potenziamento degli strumenti di gestione, intervento e tutela dai rischi legati alla navigazione in età precoce e non.  Così è stato possibile sviluppare  e condividere un linguaggio ed un approccio comune per la tutela, il controllo e la supervisione dei minori nell’utilizzo di internet, tablet e smartphone.

Tra i temi trattati particolare apprezzamento dai corsisti è stato rivolto alle tematiche relative alle molecole coinvolte nei processi psicologici ed emotivi prodotte dall’utilizzo dei suddetti mezzi tecnologici, alle modalità di interazione, controllo e supervisione nell’utilizzo del telefonino da parte dei genitori in riferimento alla fascia d’età specifica dei propri figli, alle modalità di interazione efficace Scuola – Famiglia- Alunno, ai nuovi fenomeni di rischio sociale legati alla rete quali Cyberbullismo, Challenge, Vamping, Sexting, Ikikomori, dipendenza dalla rete. Sono stati, inoltre, forniti elementi di confronto e spunti di riflessione sulle personali modalità di relazione con i propri figli in rapporto all’utilizzo di internet, dando ampio spazio alla sperimentazione personale dei fenomeni meno noti e più rischiosi per i ragazzi connessi medianti Social e siti on line.

“Il modulo Pon  Cuori Connessi – afferma il dirigente, Agata Sortino –  ha offerto ai genitori un prezioso spazio di incontro e di confronto e un occasione per  stimolare la riflessione, la crescita personale dinanzi ai cambiamenti sociali, comunicativi e culturali, per poter interagire positivamente con la scuola, che spesso viene lasciata sola nell’attuare i percorsi formativi  di  gestione delle emergenze sociali. Formare ed orientare i genitori dà la possibilità alla scuola di avere forti alleati per condividere e programmare un comune progetto educativo per il successo formativo degli alunni”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com