breaking news

Siracusa| Casa dell’acqua, i dati potabilità sono aggiornati?

10 Novembre 2018 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Casa dell’acqua, i dati potabilità sono aggiornati?
Politica
0

Gap anche nella comunicazione ravvisata da Fratelli d’Italia che interviene sulla “potabilità” delle Case dell’Acqua. Paolo Cavallaro: “I cittadini devono essere informati sui dati che vanno aggiornati”.

L’art. 5 lettera “I” del capitolato speciale per l’affidamento in concessione del servizio di gestione dei distributori di acqua alla spina denominati “Case dell’acqua” parla chiarissimo: impone alla concessionaria di effettuare, a propria cure e spese, le analisi chimico-fisiche e microbiologiche, con frequenza almeno bimestrale. Ed è li che cade l’occhio di Fratelli d’Italia. “È facilmente verificabile, ispezionando gli appositi pannelli sulle strutture installate, riferisce Paolo Cavallaro, dirigente provinciale del partito – che le analisi chimico-fisiche ultime effettuate risalgono a due anni fa, mentre quelle microbiologiche ad oltre due mesi fa”.

Non è tutto. Sembra ci sia un gap nella comunicazione. “I risultati delle analisi, oltre che affissi negli appositi pannelli – dice Cavallaro –  devono essere trasmessi in copia al Comune per la successiva pubblicazione sul sito internet. Con riferimento a quest’ultimo profilo, bisogna rilevare che sul sito internet del comune non risulta essere stato pubblicato alcun risultato di analisi effettuate sull’acqua erogata sin dall’aggiudicazione del servizio”.
Fratelli d’Italia chiede al Comune di esercitare il potere di controllo e, verificato quanto esposto, procedere alle contestazioni di cui all’art. 12 del capitolato, pretendendo dalle concessionarie l’attuazione scrupolosa delle obbligazioni. Le case dell’acqua, oltre che consentire di soddisfare un bisogno primario a costi molto contenuti, consentono di ridurre i rifiuti di plastica prodotti dai cittadini per l’acquisto di acqual’utilizzo di bottiglie di plastica, con importanti e positive ricadute in materia ambientale.
“I cittadini siracusani hanno, però, il diritto di conoscere i risultati delle analisi ogni due mesi, le concessionarie devono rispettare tale tempistica – avvisa il dirigente provinciale di FdI Cavallaro – e il Comune controllare l’esatto adempimento contrattuale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com