breaking news

Siracusa| Metafisica secondo Orsini. Luce, materia e donna al Ritiro

4 Dicembre 2018 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Metafisica secondo Orsini. Luce, materia e donna al Ritiro
Cultura
0

Siracusa incontra la Metafisica: la personale di Federica Orsini all’ex Convento del Ritiro di via Mirabella. Un nuovo modo di abitare la luce, intesa come materia e femminilità: ampio spazio alle opere di Federica Orsini, da dicembre a Siracusa.

Si chiama “meta|fisica – luce materia e donna” la terza tappa in Sicilia delle opere di Federica Orsini, una personale di pittura ambientata nella suggestiva sala superiore dell’antico Convento del Ritiro.  La mostra d’arte verrà inaugurata al pubblico sabato 8 alle 18,30 e rimarrà aperta sino al 6 gennaio 2019; un omaggio alla Grecia d’occidente ed al tema metafisico per eccellenza “luce, materia e donna”. Si tratta di un’esposizione personale che raccoglie produzioni pittoriche che vanno dal 2016 sino ai giorni nostri.
La tematica che lega la collezione al territorio è la ricerca di un nuovo modo di abitare la luce, intesa come materia e femminilità: ampio spazio verrà dato ai simboli che narrano ed omaggiano la Santa Patrona Lucia; ma anche uno studio degli scenari circostanti, l’architettura, il transito, il paesaggio interiorizzato, le suggestioni visive che è possibile raccogliere durante una flânerie in città, la consistenza e l’onirismo delle periferie urbane. Vi è qualcosa nella materia delle esperienze mistiche che richiede segretezza, come se l’archetipo dietro agli eventi, alle immagini, che stanno avendo luogo avesse bisogno di una certa tensione per essere adempito.
Ciò che succede segretamente, oltre le scene, rende possibile l’esistenza dell’esperienza quando il sipario si apre e le luci si accendono. Questo rivelare le immagini, che rappresentano lo studio di un’artista, in tal caso Federica Orsini, significa riaffrontare il tema della metafisica nella terra dove la luce si fa visibile e inafferrabile, la terra della martire Lucia. Tutte le cose possono trapassare nel nulla, manifestazioni ed eventi destinati a svanire, con l’unica opportunità di restare vittima di emozioni, di inviti metafisici, della curiosità in ogni sua forma. Ciò che rimane quando tutto scade dal tempo è il volto delle cose così come si presentano, apparentemente immutevoli; la stessa scienza deve avere un fondamento filosofico e lo trova nella metafisica, cioè in una visione del mondo che dà sostanza ai principi delle scienze, sorrette dalle persone.
Anche questa iniziativa è sostenuta da persone e collettivi, tra questi lo staff di Luoghi Pensanti, la sezione locale di Italia Nostra, l’associazione Sicilia Turismo per Tutti, il collettivo Impact Hub, la Pro Loco di Siracusa, l’associazione nazionale dei Carabinieri. Durante i giorni di apertura verranno svolti itinerari sensoriali attorno alle opere per utenti con disabilità uditive e visive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com