breaking news

Augusta| Saline Mulinello in commissione europea l’esposto di Italia Nostra.

25 Gennaio 2019 | by Redazione Webmarte
Augusta| Saline Mulinello in commissione europea l’esposto di Italia Nostra.
Attualità
0

Acquisito dalla commissione europea direzione generale ambiente l’esposto  inviato dalla sezione  di Italia Nostra Augusta a Bruxelles sulle presunte violazioni in materia ambientale del diritto dell’Unione europea relative al progetto di cementificazione delle Saline del Mulinello.

La denuncia presentata dalla locale sezione di  Italia Nostra a Bruxelles, riguarda l’ipotesi di violazioni della normativa UE sulla conservazione della natura e precisamente la direttiva “Habitat” e la direttiva “Uccelli” all’interno del sito saline del mulinello. Una violazione che si opererebbe cementificando le saline, come prevede il progetto di ampliamento dei piazzali del porto. “La direttiva Habitat[– spiega Jessica Di Venuta, presidente di Italia Nostra Augusta – tutela una serie di animali e piante rari e minacciati, nonché una serie di habitat, inserendoli nella rete europea delle zone protette nota come “Natura 2000”. Tra l’altro, la direttiva prescrive l’obbligo di assoggettare i piani e i progetti di costruzione suscettibili di avere una influenza significativa sui siti di Natura 2000 ad una valutazione di impatto potenziale  prima della loro realizzazione”. Analogamente alla direttiva “Habitat”, la direttiva sugli uccelli selvatici istituisce un sistema organico di tutela, con particolare riguardo per le specie selvatiche di uccelli presenti in Europa.

L’Italia è già  oggetto di numerose azioni legali della Commissione per violazione della normativa ambientale UE “Le direttive ambientali della Comunità – aggiunge Jessica Di Venuta – hanno lo scopo di garantire un ambiente sano a tutti i cittadini europei. Non rispettando le norme comunitarie, l’Italia non consente ai suoi cittadini di fruire della stessa qualità della vita né di far sentire la loro voce nelle questioni ambientali come possono fare altri cittadini europei.  Le Saline del Mulinello (note anche come Saline di Punta Cugno)  possiedono i requisiti previsti dalla direttiva 92/43 CE e dalla direttiva 2009/147 CE essendo tuttora  inserite nell’elenco delle zone umide italiane per il censimento invernale degli uccelli acquatici redatto dall’Ispra, ex-Infs, codice sito SR0304. Sono state designate dal decreto del ministero dell’Ambiente del 7 dicembre 2017, pubblicato il 20 dicembre 2017, tra le 32 Zone speciali di conservazione (Zsc) della regione bio-geograficamediterranea insistenti nel territorio della Regione saiciliana, già proposti alla Commissione europea quali Siti di importanza comunitaria (Sic).

Inoltre con  decreto dell’assessorato regionale Territorio e Ambiente è stato approvato il Piano di gestione  “Saline della Sicilia Orientale”integrato secondo le prescrizioni del decreto 678 del 30 giugno 2009, riguardante i siti della rete Natura 2000 ITA090006 “Saline di Siracusa e Fiume Ciane”, ITA090013 “Saline di Priolo” e ITA090014 “Saline di Augusta”, modificati con il documento “Aggiornamento dei perimetri dei siti Natura 2000” del luglio 2012. Il Piano di gestione espressamente prevede: “Nelle saline di Augusta si reputa necessario integrare al perimetro attuale l’insieme di tutte le altre saline escluse, rappresentando ambienti del tutto simili che contribuiscono al mantenimento dei valori naturalistici delle saline stesse attualmente incluse. Le aree in oggetto sono una porzione delle saline Regina a nord della linea ferroviaria e il complesso di saline circostante la foce del fiume Mulinello, denominato Saline di Punta Cugno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com