breaking news

Augusta| Ecologia cittadina affidata ai post di Facebook: Di Mare critica Pulvirenti.

Augusta| Ecologia cittadina affidata ai post di Facebook: Di Mare critica Pulvirenti.
Politica
1

“Ecologia cittadina affidata ai post di Facebook:  la politica  di questa amministrazione continua a sorprenderci”. Lo dichiara il consigliere comunale di #perAugusta, Giuseppe Di Mare in seguito al divieto, in vigore da oggi, di utilizzo dei sacchi neri per il conferimento del rifiuto secco (indifferenziato), annunciato dall’assessore ai Servizi ecologici, Danilo Pulvirenti tramite social network.

“Apprendiamo che da stamattina i sacchi neri della spazzatura non saranno più raccolti dalla ditta che gestisce il servizio di nettezza urbana. La notizia, di non poco conto per la corretta gestione delle utenze e per la conseguente pulizia della città, ci arriva dai mezzi di comunicazione ufficiali dell’assessore all’Ecologia Danilo Pulvirenti, ovvero il suo profilo Facebook” dichiara il conigliere di #perAugusta, Giuseppe Di Mare che siede tra i banchi dell’opposizione.

“Mi chiedo – aggiunge il consigliere – come si possano trattare temi così importanti per la comunità con una tale superficialità, affidando a Facebook (non a una delibera, non a uno strumento ufficiale di informazione dell’amministrazione) una decisione tanto drastica quanto immediata e definitiva. Ieri l’assessore scopre che esistono margini di problematicità nell’utilizzo dei sacchi neri e dà ordine immediato affinché non vengano raccolti, da oggi stesso, comunicando sul social network la sua decisione. E chi ne avesse fatto una scorta importante? E chi non legge Fb o non ha un account? A quale ambasciatore si affiderà per trovare spiegazioni del sacchetto rimasto davanti alla porta?

Questa amministrazione se ne infischia dei temi importanti e decide di trattarli come fossero comunicazioni estemporanee da diffondere sulla scorta di pizzini, fossero anche digitali. Farebbe forse meglio, l’assessore, a chiedersi cosa può fare per migliorare il traguardo di raccolta differenziata fermo al 41%, nonostante l’inspiegabile aumento del costo dell’appalto di 400 mila euro. L’ecologia cittadina- conclude Giuseppe Di Mare-  è un ambito che necessita di onestà intellettuale e non di misure che hanno il sapore e l’efficacia di meri atti di forza. Speriamo che ad Augusta sia concesso il tempo di decisioni mature e di un dialogo e di una comunicazione efficace, prima che i proclami la sommergano tra i sacchi di spazzatura nera (non raccolti)”.

One Comment

  1. Maria Angela la Cava says:

    Ci vogliono i sacchi trasparenti quelli biodegradabili che vengono lavorati negli.impianti coi rifiuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com