breaking news

Noto| “Noto Nobilis”: Risplendono i palazzi nobiliari del centro storico di Noto

Noto| “Noto Nobilis”: Risplendono i palazzi nobiliari del centro storico di Noto
Cultura
0

Nasce “Noto Nobilis”, il progetto di arte visiva e spettacoli diffusi nel centro storico di Noto, alla sua prima edizione sperimentale e precisamente all’interno delle “7 bellezze” della città del barocco. Saranno sette i palazzi nobiliari interessati, ma non soltanto, dunque, i quattro già fruibili dal pubblico (Nicolaci, Castelluccio, Landolina e Impellizzeri), ma anche quelli solitamente chiusi e poco raggiunti dal flusso turistico e dagli stessi residenti (Rau, Astuto, Trigona).

Struggente e malinconico, ma anche allegro e brillante, è il suono prodotto da un violino, ma sono anche le melodie che uno strumento musicale, dagli archi al pianoforte, dal sassofono alla chitarra può irradiare in una elegante sala, al cospetto di opere d’arte dell’ingegno umano come gli straordinari Palazzi di Noto. Nei sette magnifici giorni gli innumerevoli cambiamenti di forme, scene e  linguaggi, dimostreranno che l’arte, unitamente all’architettura e allo spettacolo, potranno arricchire gli avventori, con continue scoperte e curiosità che durante il percorso, creeranno un piacevole connubio tra barocco e contemporaneo, già sperimentato a Noto varie volte dall’amministrazione Bonfanti, con notevole successo e curiosità da parte del pubblico e della critica. “L’evento artistico è stato ideato in occasione delle manifestazioni legate alla Santa Pasqua, all’inizio della Primavera Barocca e all’avvio della stagione turistica 2019, al via dal 24 al 30 aprile. – spiega il direttore artistico Vincenzo Medica -. Avrà luogo con un apposito itinerario strutturato che si svilupperà anche in altri siti e percorsi stradali, sempre all’interno dell’Area Majoris Ecclesiae della Città di Noto, uno al giorno all’ora del tramonto, secondo gli spettacoli e le performance artistiche. La formula “Invito a Palazzo” di Studio Barnum contemporary, prevede l’apertura di alcune aree di particolare pregio architettonico e d’interesse storico, all’interno dei sette importanti contenitori,  dove saranno installate opere d’arte e si terranno performance di attori, musicisti classici e contemporanei, cantanti lirici, danzatori”.

Un ricco programma che culminerà con il grande evento finale del Corteo Barocco di Noto, che darà vita al Gran Ballo.  “Lo straordinario nell’ordinario della vita dei palazzi -prosegue Medica-, questi luoghi speciali e connotanti della vita aristocratica del ‘700 fino ai nostri giorni, che sono non solo saloni di rappresentanza, ma anche cucine, magazzini, terrazzi, balconi, cortili, luoghi inusuali per lo spettacolo e per l’arte”. Strategica la scelta del periodo per permettere ai tanti visitatori di Noto, ed anche agli stessi residenti desiderosi di un momento d’arte e conoscenza dei luoghi della storia cittadina, di vivere al meglio la permanenza in Città. Necessarie le partnership con eccellenze del nostro territorio e  avviate anche forme di partenariato con l’Associazione Concerti Città di Noto, l’Associazione Corteo Barocco, la Fondazione del Grand Tour, il Circolo Val di Noto, l’Archivio di Stato, ed altre. Ma primo fra tutti è il Patrocinio con il Comune di Noto, come sottolineano all’unisono gli assessori al Turismo, Giusi Solerte, e alla Cultura, Frankie Terranova: “Noto Nobilis: originale e suggestiva scelta di dare l’avvio a quella che si prospetta come un’altra  straordinaria e frizzante  stagione turistica culturale nella nostra Noto, ormai consolidata Città d’Arte, capace di stupire, sorprendere e far innamorare gli innumerevoli viaggiatori cultori del bello. Un’intuizione progettuale da subito sostenuta ed avallata dall’Assessorato turismo e cultura, perché sintesi di due esigenze ed obiettivi perseguiti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com