breaking news

Augusta| La maggioranza fa mancare il numero legale e salta la seduta di Consiglio

Augusta| La maggioranza fa mancare il numero legale e salta la seduta di Consiglio
Politica
0

Il Consiglio comunale ha approvato i progetti per la digitalizzazione dei processi amministrativi e per mancanza di numero legale, determinata dalla maggioranza, non ha trattato il punto relativo all’approvazione del regolamento di Polizia municipale. La determina per la nomina del comandante dei vigili urbani non è stata firmata e scoppia la polemica.

Il Consiglio comunale, riunitosi il 29 luglio, ha approvato i progetti relativi alla digitalizzazione dei processi amministrativi di diffusione dei servizi interoperabili. Su 137 mila euro, ottenuti a tale scopo dalla Regione, il Comune ne ha impiegato 98 per realizzare 3 progetti destinati: all’aggiornamento dei sito internet (con 32 mila euro), alla creazione di un portale per il cittadino per l’interlocuzione tra l’utenza e gli uffici (34 mila) al Suap (con un importo pari a 32 mila euro). L’Aula, si è aggiornata a ieri mattina, per mancanza di numero legale dei presenti, per l’approvazione del regolamento del corpo della Polizia municipale. Il consigliere Giuseppe Di Mare aveva chiesto il rinvio di entrambi i punti per assenza degli assessori competenti e dei responsabili di settore, ma i lavori lunedì’ sono proseguiti.

I progetti relativi alla digitalizzazione sono stati illustrati dal sovraordinato informatico Fabio Puglisi e in Aula sono arrivati, in secondo momento, anche il responsabile del settore Patrimonio Michele Bombaci e l’assessore Giuseppe Canto. Il consigliere Di Mare ha criticato la perdita di 39 mila euro di finanziamento regionale perché non spesi. La maggioranza pentastellata ha sottolineato che il Comune con l’approvazione dei progetti aggiorna un sistema informatico obsoleto che ha visto, tra le varie carenze, gli uffici operare con computer datati.  Il gruppo del M5S ha annunciato la sua uscita dall’Aula per trattare il giorno successivo alla presenza del comandante dei Vigili urbani, Angelo Carpanzano e dell’assessore Omar Pennisi, lunedì assenti, il regolamento di Polizia municipale. Non sono mancate al riguardo le polemiche da parte della minoranza la quale ha evidenziato di aver garantito con la sua partecipazione ai lavori i numeri per garantire la validità della seduta: “mentre la maggioranza – ha sottolineato Di Mare – anziché votare il rinvio del punto relativo al regolamento ha preferito far mancare il numero legale con l’intenzione di approvarlo da sola il giorno dopo”.

Le polemiche si sono acuite ieri, quando il M5S non è entrato in Aula, di conseguenza la seduta è stata chiusa e il regolamento rinviato a data da destinarsi. “Ieri– spiega il capogruppo del M5S, Mauro Caruso – abbiamo appreso che la determina per la nomina del comandante non è stata firmata perché soggetta a integrazione che sarà resa nota a breve. Per tale motivo nello spirito di economicità che ci contraddistingue e per senso di responsabilità abbiamo deciso di disertare la seduta rinviando, di fatto, i punti all’odg al prossimo Consiglio utile. Le speculazioni politiche, che ci giungono essere in atto da parte di frange delle minoranze, sono solo l’unico obiettivo perseguito oltre alle continue e pesanti accuse rivolte alla maggioranza. Atteggiamenti che confermano, anche in questo caso, l’inadeguatezza al compito che sono stati chiamati a svolgere. Riguardo al punto rinviato ci rivedremo in Consiglio dove sarà palese l’incapacità di soggetti che probabilmente sono alle prese nel tutelare interessi di terzi contro tutte le disposizioni normative e di legge”.

Il consigliere di Attiva Mente Biagio Tribulato informerà l’assessorato regionale agli Enti locali dell’insediamento del nuovo comandante avvenuto prima della firma della determina sindacale. “Si tratta di inadeguatezza amministrativa” afferma Tribulato. Ieri in Aula c’erano solo il presidente del Consiglio comunale Sarah Marturana e consiglieri di opposizione Giuseppe Schermi di Diems 25 Augusta 1 Dsc e Giuseppe Di Mare di #perAugusta, “Lunedì il M5S ha abbandonato l’Aula perché non aveva il numero legale sufficiente a votare da solo il regolamento. Ieri – dichiara Schermi – siamo tornati, quindi, in Consiglio io e il consigliere Di Mare e con nostra sorpresa la maggioranza, pur presente davanti Palazzo San Biagio ha preferito non entrare nella sala consiliare facendo slittare a data da destinarsi, dopo due sedute andate a vuoto il regolamento. Nessuna motivazione ufficiale è stata fornita”. “Chi ha la maggioranza agisce in Aula più che per evitare che altri avanzino suggerimenti importanti per la città che per il bene di Augusta – dice Di Mare – la proposta da me presentata lunedì era quella di rinviare il punto, ma è stata bocciata. Ieri non presentandosi hanno dimostrato la totale inadeguatezza ad amministrare un Comune”. “La determina sindacale di nomina del comandante della Polizia municipale è un mero atto formale, i provvedimenti sono stati già firmati e vengono confermati in un secondo momento. Non vi è niente di irregolare anche perché Angelo Carpanzano è l’unico di categoria D del settore” dichiara il sindaco Cettina Di Pietro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com