breaking news

Lentini | Il futuro dell’ex lavatoio. Vicine le posizioni dell’amministrazione e di Articolo Uno?

18 Ottobre 2019 | by Silvio Breci
Lentini | Il futuro dell’ex lavatoio. Vicine le posizioni dell’amministrazione e di Articolo Uno?
Attualità
0

Oggi poco più che un rudere dopo essere stato distrutto anni fa da un incendio. Articolo Uno: «No alla demolizione». Valenti: «Un luogo che testimoni le radici della città».

Quale futuro? L’idea di Articolo Uno. Quale futuro per l’antico lavatoio di via Focea, negli anni Ottanta trasformato in auditorium e oggi poco più che un rudere dopo essere stato distrutto anni fa da un incendio? L’interrogativo fa discutere. Nei giorni scorsi la locale sezione di Articolo Uno aveva manifestato la propria contrarietà rispetto a qualsiasi ipotesi di demolizione dell’edificio, ricordando che «c’è già in Comune un progetto esecutivo di ristrutturazione dell’ex lavatoio-auditorium, per la cui realizzazione si potrebbero cercare i necessari finanziamenti». «La riqualificazione dell’area è opportuna – aveva scritto Articolo Uno in una nota – ma non può comportare la cancellazione della memoria». E riferendosi all’intenzione dell’amministrazione di realizzare «un monumento evocativo-celebrativo della passata presenza del lavatoio», in pratica un omaggio al lavoro delle donne, aveva sottolineato che «nessun monumento può rappresentare quel “passato” e quella “presenza” più di quei “ruderi”».

La replica dell’amministrazione. La replica del vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Alessio Valenti non si era fatta attendere. «Se abbiamo avviato l’iter per le indagini di vulnerabilità – aveva spiegato – non è per demolire i ruderi ma per capire invece quali interventi sono necessari per salvaguardare l’immobile e scongiurare eventuali crolli. Per la demolizione basterebbe semplicemente una ruspa. Peraltro è stata avviata una proficua interlocuzione con la Soprintendenza a cui faremo pervenire il progetto di riqualificazione redatto in seguito all’esito delle indagini di vulnerabilità. La realizzazione di una vasca all’interno dei ruderi messi in sicurezza – concludeva – pensiamo sia il modo migliore per rappresentare il passato, in cui anche il lavatoio era luogo di incontro. Quello che vorremmo fosse anche oggi. Un luogo in cui i ruderi, messi in sicurezza e riqualificati, possano testimoniare le radici della città».

Articolo Uno: «Valenti ci rassicura». Chiarite scelte e posizioni, Articolo Uno oggi scrive: «Il fatto che l’amministrazione comunale, nell’ambito del progetto di riqualificazione dell’area, intenda lavorare esclusivamente alla salvaguardia del rudere dell’ex lavatoio-auditorium, con opportuni interventi su cui l’esito delle indagini di vulnerabilità fornirà indicazioni, ci rassicura ampiamente. Non possiamo che apprezzare il fatto che su questo punto specifico la nostra visione si concili con la linea dell’amministrazione comunale. Pensiamo che dal mondo culturale possano essere forniti contributi utili per l’obiettivo comune di fare dell’area riqualificata dell’ex lavatoio un luogo d’incontro e di testimonianza delle radici della città».

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com