breaking news

AFFONDA ANCHE L’ISOLA ECOLOGICA DI VIA T. TASSO

28 Dicembre 2011 | by Redazione Webmarte
AFFONDA ANCHE L’ISOLA ECOLOGICA DI VIA T. TASSO
Attualità
0

Costruita , non completata e poi chiusa. Queste le sorti dell’isola ecologica di via Torquato Tasso a Catania.
Una struttura enorme, in grado di poter alleggerire il carico dei rifiuti nel capoluogo etneo, in cui la produzione dei rifiuti è molto alta (in media 748,3 chilogrammi di spazzatura l’anno per abitante) e la percentuale di raccolta differenziata ancora ferma a cifre ridicole – si parla del 6 per cento appena contro il 31 per cento della media nazionale – come attestato da Legambiente che, nel rapporto Ecosistema urbano 2011, confina la città all’ultimo posto nella classifica di vivibilità dei centri urbani con più di 200 mila abitanti.
I dirigenti comunali nel catanese di Scelta Giovane, Marcello Incardona , Roberto Sanfilippo e Santo di Benedetto, denunciano l’ennesimo spreco di denaro pubblico da parte del Comune di Catania che tanto pubblicizza e decanta la corretta gestione dei rifiuti con distribuzione di sacchetti per la differenziata, anche con pesanti sanzioni per i cittadini nel caso in cui si gettino l’immondizia fuori orario, che però tuttavia, non mostra altrettanto rigore nella gestione di quegli strumenti in grado davvero di produrre una svolta nella gestione della nettezza urbana.

“Abbiamo bisogno di risposte certe e rapide , continua il presidente della VIII municipalità di Scelta Giovane Marcello Incardona . L’amministrazione comunale deve indicarci come intenderà procedere per la rivalutazione e l’attivazione delle varie isole ecologiche presenti a Catania, mai completate e messe in funzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com