breaking news

AGGREDI’ IL SINDACO-CONDANNATO A 6 MESI

AGGREDI’ IL SINDACO-CONDANNATO A 6 MESI
Cronaca
0

È comparso questa mattina davanti al giudice, il giovane disoccupato di Canicattini, Alessandro Mangiola, 28 anni, arrestato lunedì scorso, con l’accusa di violenza, minacce e resistenza a pubblico ufficiale; il giovane era entrato nell’ufficio del sindaco di Canicattini Bagni, Paolo Amenta, mettendo a soqquadro la stanza e minacciando la sua incolumità se non avesse fatto in modo di modificare la graduatoria per i cantieri per i quali si sentiva escluso dall’ufficio del lavoro. Alle minacce era seguito anche un tentativo di aggressione, nonostante il primo cittadino canicattinese tentasse di riportarlo alla ragione; a scongiurare il peggio, l’intervento di assessori, consiglieri comunali, impiegati e agenti della Polizia Municipale, richiamati dalle grida forsennate del giovane, che già qualche mese addietro, si era reso protagonista di un episodio analogo. Questa mattina, nel corso dell’udienza, sono stati sentiti il sindaco Amenta, il comandante della Polizia Municipale, Pino Casella, e il vice comandante della locale Caserma dei Carabinieri, Giuseppe Roccasalva che hanno confermato quanto accaduto lunedì.  Lo stesso Mangiola, che ha precedenti penali, ha ammesso le sue colpe patteggiando una pena di sei mesi. Intanto, sono state rafforzate le misure di sicurezza nei confronti del primo cittadino di Canicattini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com