breaking news

ALL’ISAB ENERGY UN NUOVO MODELLO PER LE RELAZIONI TRA IMPRESA E TERRITORIO

2 Dicembre 2011 | by Redazione Webmarte
ALL’ISAB ENERGY UN NUOVO MODELLO PER LE RELAZIONI TRA IMPRESA E TERRITORIO
Attualità
0

Il nuovo modello di relazioni con il territorio adottato da ISAB Energy nella realizzazione della fermata generale di ottobre è stato al centro dell’incontro con le istituzioni locali che si è tenuto giovedì sera nella sede ERG di via Malta a Siracusa. All’incontro hanno preso parte gli enti e le istituzioni che hanno avuto parte attiva nella preparazione e nella conduzione della fermata: Prefettura, carabinieri, questura e Guardia di Finanza, Comune di Priolo, Vigili del fuoco, Capitaneria di Siracusa, ASP, Protezione civile, Ispettorato del Lavoro, Inail, ARPA, Confidustria. I lavori sono stati introdotti dal Direttore delle Relazioni Istituzionali di ERG in Sicilia, Diego Bivona; sono intervenuti il Direttore Generale di ISAB Energy Services Giovanni Bellina; il Direttore della Divisione Power & Gas di ERG, Pietro Tittoni. L’iniziativa fa parte di una serie di incontri relazionali organizzati a valle della conclusione delle attività di fermata in ISAB Energy che si è svolta dal 10 ottobre al 13 novembre, alle quali prendono parte tutti i soggetti coinvolti nel nuovo modello di concertazione e che proseguirà con l’incontro con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e delle imprese.
La logica che muove l’attuazione del nuovo modello di relazioni istituzionali adottato da ERG è quella della concertazione che impegna responsabilmente istituzioni, enti locali, sindacati, ed organizzazioni imprenditoriali verso la soddisfazione di comuni obiettivi di crescita.
Questo modello viene attuato in una situazione nella quale è fortissima per ERG la necessità di adeguarsi alle dinamiche del mercato in termini di flessibilità, affidabilità e sicurezza delle produzioni mantenendo l’obiettivo della creazione di valore sostenibile in una situazione caratterizzata a livello locale dalla crisi con tensioni sociali che hanno caratterizzato pesantemente le attività della zona industriale con numerosi blocchi delle portinerie.
Il prefetto vicario Scaduto, prendendo spunto da una indagine della Fondazione RES che cita le difficoltà della realtà locale di costruire un suo modello di sviluppo, nella sua conclusione ha notato come il nuovo sistema di relazioni adottato da ERG nella fermata di ISAB Energy risponde all’ esigenza di realizzare anche in provincia di Siracusa una struttura socio-istituzionale del genere di quelle che in altre parti d’Italia governano lo sviluppo organizzato del territorio. Il nuovo modello proposto da ERG favorisce il coordinamento e la collaborazione tra gli attori locali con l’obiettivo di produrre beni collettivi che sostengono lo sviluppo locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com