breaking news

APPROVI IL CONSIGLIO LA RIDUZIONE DELL’IMU SE NON VUOLE COMPORTARSI COME ROBIN HOOD AL CONTRARIO

APPROVI IL CONSIGLIO LA RIDUZIONE DELL’IMU SE NON VUOLE COMPORTARSI COME ROBIN HOOD AL CONTRARIO
Attualità
0

La Giunta comunale, capitanata dal sindaco Antonello Rizza propone l’esenzione dell’aliquota Imu per le abitazioni principali e le pertinenze. Questa la proposta avanzata nel corso di una conferenza stampa, tenutasi sabato scorso presso l’Ufficio di Gabinetto del sindaco di Priolo Gargallo. Un obiettivo importante definito dal sindaco unico, tra i provvedimenti in materia tributaria non solo a livello regionale ma sicuramente nazionale. Atto dovuto quello dell’Amministrazione comunale verso i cittadini priolesi, già economicamente pressati da una crisi occupazionale senza precedenti, che con questa manovra riceverebbero sicuramente una boccata d’ossigeno. La proposta del primo cittadino riguarda la riduzione dell’aliquota Imu di pertinenza comunale, al minimo consentito dalla legge statale. “Per la prima casa – ha affermato il Sindaco di Priolo, Antonello Rizza – non si pagava nulla l’anno scorso e non si pagherà nulla neanche quest’anno. Per tutte le altre categorie: seconde case, aree di pertinenza, terreni, banche, uffici, scuole, associazioni, ed altro, stiamo applicando il minimo previsto dalla legge, che è il 3,80 per mille, che va destinato allo Stato. Come amministrazione abbiamo invece fissato il minimo consentito dalla legge, che è lo 0,80 per mille. Questo significa che per alcune categorie i cittadini pagheranno meno dello scorso anno, sembra paradossale, ma, in realtà, è questa la pura verità. Abbiamo lasciato invariata, invece, l’aliquota relativa alle categorie D, riguardante la zona industriale, in quanto riteniamo etico e doveroso che questa paghi il massimo perché costringono i cittadini ad una convivenza spesso molto difficile”. La proposta della Giunta passa ora per competenza al Consiglio comunale che dovrà convalidare o meno l’indirizzo proposto dalla Giunta comunale. Il sindaco Rizza si appella al senso di responsabilità dei consiglieri per la condivisione dell’atto. “Se i Consiglieri comunali,  – continua il Sindaco -solamente per un gioco politico, solo per strumentalizzazione, o per in cattiva luce il sottoscritto e l’intera amministrazione, sono intenzionati a stravolgere queste tabelle, sappiano che aumenterebbero le aliquote dei cittadini, diminuendo quelle delle zona industriale. Sostanzialmente, si comporterebbero come una sorta di “Robin Hood al contrario”, che ruba ai poveri per dare ai ricchi”.  Salvaguardati gli standard tributari rispetto all’anno scorso e garantito l’equilibrio di bilanci, anche se la riduzione dell’aliquota Imu costerà alle casse comunali circa 700 mila euro di disavanzo. “Con l’avvento dell’Imu – ha detto l’Assessore ai Tributi del Comune di Priolo, Giovanni Parisi – abbiamo dovuto fare i salti mortali per non gravare sulle tasche dei cittadini. Ci siamo riusciti anche grazie all’operazione compiuta dai miei uffici tributari che, da quattro anni, sono impegnati nel recupero tributario di un’evasione fiscale non indifferente, che oggi ci consente la garanzia dell’equilibrio di bilancio. Noi per legge non possiamo incassare meno dell’Ici dell’anno 2011, quest’anno, addirittura, incasseremo 10 mila euro in più rispetto all’anno precedente, attraverso un’operazione che rende indolore l’avvento dell’Imu per il cittadino.”

Silvana Baracchi            

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com