breaking news

ARSENALE VERSO IL RIDIMENSIONAMENTO

ARSENALE VERSO IL RIDIMENSIONAMENTO
Attualità
0

L’Arsenale Militare di Augusta potrebbe essere ridimensionato. Il Governo Nazionale avrebbe infatti deciso di concentrare tutte le attività di manutenzione programmata  presso gli arsenali di La Spezia e Taranto, lasciando ad Augusta le attività di pronto intervento. Questa operazione produrrebbe l’azzeramento delle attività delle aziende dell’indotto, in quanto i lavori verrebbero espletati direttamente dal personale  dell’arsenale, e la perdita delle attività di manutenzione programmata produrrebbe l’azzeramento delle attività da esternalizzare con la conseguente chiusura dell’intero indotto locale (circa 25 aziende e circa 400 lavoratori) che nel corso di questi anni ha privilegiato le richieste della Marina militare fino a farne  la principale attività aziendale. Augusta ospita uno degli arsenali della Marina militare più importanti d’Italia e nel porto della città sono attualmente presenti 18 unità oltre che un variegato naviglio di supporto ed in particolare: 8 corvette classe Minerva, 4 pattugliatori classe Cassiopea, 4 pattugliatori d’altura di nuova generazione classe Comandanti, 2 pattugliatori di nuova generazione classe Costellazione e vario naviglio di supporto come rimorchiatori e bacini galleggianti”. Il deputato regionale del Partito Democratico, Bruno Marziano ha presentato una interrogazione al presidente della Regione con la quale chiede a Lombardo di intervenire presso il governo nazionale. Le preoccupazioni derivano dalle conclusioni del Simposio sulla logistica di Roma e da vari incontri che si sono svolti presso il Ministero della Marina Militare dai quali è emerso un programma di intervento sugli arsenali militari che prevede una forte penalizzazione di quello di Augusta ed un costante decremento degli stanziamenti per le manutenzioni. “Non è tempo di un nuovo intervento del Governo nazionale a danno della Sicilia per privilegiare altre regioni – ha detto Marziano – non si può prima assegnare a un territorio una vocazione e poi cancellarla improvvisamente”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com