breaking news

Augusta| “Amare il mare” dai fondali e dalla costa di Brucoli via i rifiuti

Augusta| “Amare il mare” dai fondali e dalla costa di Brucoli via i rifiuti
Attualità
0

“Amare il mare”, evento di pulizia straordinaria e promozione del borgo marinaro di Brucoli, si è svolto domenica. Rimossi circa 20 pneumatici, plastica e tanti rifiuti dal fondo del mare e dalla scogliera. L’iniziativa è stata promossa e organizzata dalla locale sezione di Italia Nostra in collaborazione con l’associazione Ocean,  la delegazione Brucoli-Augusta della Lega navale Italiana, gli abitanti di Brucoli e con il patrocinio del Comune.

Si trovavano inabissati nelle acque di Brucoli una ventina di pneumatici, reti e plastica, vetri e altro genere di rifiuti. Sono stati rimossi a opera di persone volontarie, che la scorsa domenica hanno dedicato parte del loro tempo a una pulizia straordinaria dei fondali e della scogliera di Brucoli. “Amare il mare” così è stato intitolato l’evento che ha visto i volontari al servizio di Brucoli. Una giornata all’insegna dell’educazione ambientale e per la tutela del bene comune, che Italia nostra Augusta ritiene sia stata indimenticabile e pertanto esprime gratitudine nei confronti di tutti coloro i quali hanno contribuito a realizzarla.

La giornata dedicata alla pulizia della costa e del mare di Brucoli è stata impegnativa. La collaborazione tra associazioni voluta da Italia nostra con l’ausilio dei residenti del borgo marinato ha centrato l’obiettivo. L’iniziativa è stata promossa e organizzata dalla locale sezione di Italia Nostra, di cui è presidente Jessica Di Venuta in collaborazione con l’associazione Ocean, presieduta da Filippo Tringali, la delegazione Brucoli-Augusta della Lega navale Italiana, presieduta da Alfonso Lazzara, gli abitanti di Brucoli, con il patrocinio del Comune. Hanno partecipato inoltre i sub professionisti “Cacciatori di Reti Fantasma”, il gruppo comunale volontari di Protezione civile, coordinato da Marco Bertoni, l’associazione Non Solo Estate Brucoli e una delegazione degli abitanti di Agnone, i presidenti di Archeoclub, Mariada Pansera e dell’associazione intercomunale Brucoli e Agnone,  Sebastiano Inserra.

“Tutto ciò ha portato un ottimo risultato” commenta Jessica Di Venuta, presidente di Italia Nostra che si augura si l’inizio di una serie di eventi di promozione e valorizzazione del territorio e che sia da esempio per chi intende curare il bene comune. “Un particolare Ringraziamento deve essere rivolto alla Capitaneria di porto, al Comune di Augusta per il patrocinio concesso, al sindaco, Cettina Di Pietro e all’assessore all’Ecologia Omar Pennisi per la sensibilità e disponibilità dimostrata.

Ospite della Lega Navale di Brucoli, Italia Nostra Sezione di Augusta ha aggiornato la comunità del borgo marinaro di Brucoli sulla attesa istituzione dell’Area Marina protetta Brucoli-Agnone, in virtù del protocollo d’intesa tra Italia Nostra, il Comune e l’Università di Messina sottoscritto nel 2015. Italia nostra sezione di Augusta infatti ha effettuato già una campagna oceanografica in collaborazione con il Disba dell’università di Messina effettuando i campionamenti delle acque e trasmettendo le relazioni al ministero dell’Ambiente in attesa del decreto finale. Attraverso i video realizzati dai soci è stato presentato il potenziale di sviluppo turistico economico dell’area marina protetta Brucoli Agnone, su cui Italia Nostra vuole invitare tutte le istituzioni a dare la massima attenzione quale vera fonte di sviluppo economico sostenibile per il nostro territorio.

Infine è stata presentata la barca restaurata Jupiter di Italia Nostra che verrà utilizzata per ricerche scientifiche e monitoraggi ambientali. In parallelo alla conferenza, l’imbarcazione è stata impiegata nella pulizia di una parte dei fondali. “Abbiamo organizzato questa manifestazione a carattere ecologico raccolto la spazzatura sia a mare sia sugli scogli, rivenuto in mare molti pneumatici, reti, molte plastiche con i sub della Ocean, mentre in superficie: vetri, plastiche di tutti i tipi. Per quanto riguarda la collaborazione esterna abbiamo ospitato un gruppo di 6 sommozzatori di Catania che si occupa di recupero delle reti” ha detto Filippo Tringali, il quale oltre a rappresentare l’Ocean è socio instancabile di Italia Nostra. A lui si deve la partecipazione   dei sub professionisti “Cacciatori di Reti Fantasma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com