breaking news

Augusta| Augusta Sacra: reliquie e i reliquiari delle chiese della città

10 Dicembre 2017 | by Redazione Webmarte
Augusta| Augusta Sacra: reliquie e i reliquiari delle chiese della città
Cultura
'
0

Saranno esposte nei locali  del Circolo Unione, da martedì, alcune reliquie e antichi reliquiari provenienti dalle chiese della città. Si tratta di un’importante occasione per approfondire un tema che ha sempre affascinato nei secoli quanti si sono accostati al mistero del sacro.

Bruno e Carrabino

L’iniziativa, promossa dal Circolo Unione presieduto da Gaetana Bruno, vedrà tra l’altro  la presentazione di un primo censimento di questo specifico patrimonio custodito non solo nei luoghi di culto ma anche in alcuni palazzi gentilizi privati. “Augusta Sacra 0- Reliquie e reliquiari nelle chiese della città. Privilegio civico e patrimonio della fede” è il titolo di questo appuntamento che analizza un patrimonio che per la maggior parte è praticamente sconosciuto in quanto ormai relegato, nel migliore dei casi, negli armadi delle sagrestie.

“Sarà Giuseppe Carrabino – spiega Gaetana  Bruno – a condurci ancora una volta alla riscoperta delle preziose testimonianze custodite in Augusta. Un lavoro di ricerca, studio e catalogazione che ha condotto da oltre un decennio in diversi archivi e che gli ha permesso di documentare, attraverso le fonti, per la maggior parte inedite, il corredo di reliquie e reliquiari di ogni singola chiesa con le attestazioni di autenticità redatte secondo gli stili delle diverse epoche”. Reliquiari di ogni genere: in argento, rame, legno, a medaglione, a ostensorio o del tipo antropomorfo, per custodire frammenti ossei o tessuti dei santi e martiri di ogni tempo. La più antica reliquia ad oggi conosciuta in Augusta potrebbe essere quella ex ossibus di Sant’ Alberto pervenuta in città all’epoca della fondazione del convento Carmelitano a seguito dell’autorizzazione datata 1 luglio 1579. La notizia si desume dal “libro dei Privilegi della Città di Augusta”, al foglio 122 dove è annotata la licenza di trasferimento d’un pezzo d’osso del braccio di Sant’ Alberto da Messina nel convento di questa città. “Sembrerebbe – riferisce Carrabino – che negli anni successivi la reliquia sia stata inserita in un reliquiario antropomorfo d’argento, a forma di dito, esposto al culto in occasione della festa liturgica del santo. Un inventario redatto dopo il 1866 indica chiaramente “Un dito di argento con la reliquia di Sant’ Alberto”.

Delle reliquie custodite nel convento di San Domenico ci offre un dettagliato elenco Francesco Vita, pubblicato nel suo “Inesto Istorico della Città di Augusta” stampato a Venezia nel 1653. “In detto convento – riferisce  Vita – abbiamo diverse reliquie di Santi. Queste reliquie che furono tutte portate nel convento di Augusta dal calabrese padre fra Gioansalvo Cervaso morto il 18 Gennaro 1638 e sepolto in Augusta nella chiesa del Santo Patriarca”.La dettagliata descrizione del ricco patrimonio reliquiario si inserisce in quel clima di fervore municipalistico che si respirava nel XVII secolo che favoriva la pubblicazione di molte opere di storia locale dove le reliquie avevano una precisa connotazione.  Molti dotti storici siciliani, siano essi laici o religiosi, si sono premurati di annotare le reliquie custodite in chiese e conventi per tramandarle ai posteri come valori preziosi, ritenendole non solo tesoro di una comunità religiosa ma anche come bene inalienabile della comunità civica.

Sempre il Vita, nella stessa pubblicazione, riferisce dell’arrivo da Roma in Augusta, proprio in quegli anni, di un frammento dell’abito di San Domenico inserito in un braccio d’argento che impugna una spada, opera questa cesellata a Messina nel 1651 che viene portata processionalmente, ancora a nostri giorni, la vigilia della festa del patrocinio del 24 maggio”. Sono numerose le reliquie già custodite in casa Grimaldi e donate alla chiesa Madre agli inizi del Novecento. Tali reliquie furono in un primo tempo esposte nella cappella del Crocifisso in una edicola fatta appositamente costruire dall’arciprete Garay e successivamente sistemate in due teche negli altari del transetto.

Tra le reliquie custodite nel palazzo Omodei Migneco, viene indicata quella di San Biagio inserita in un reliquiario in legno ricoperta da lamina d’argento, mentre nell’altro palazzo Omodei di via Garibaldi si conservava il reliquiario di San Gioacchino che ospita oggi la reliquia di Sant’Elena. Da segnalare il monumentale reliquiario di Santa Rita del parroco don Davide Di Mare, pregevole opera di raffinata argenteria. Preziose altresì le attestazioni di autenticità, alcune a stampa con indicazioni ad inchiostro, altre manoscritte e compilate su più facciate, queste ultime sono presenti in chiesa Madre e nella chieda del Carmine.

 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *