breaking news

Augusta | Bivona eletto Presidente di Confindustria Siracusa per il biennio 2021-23

Augusta | Bivona eletto Presidente di Confindustria Siracusa per il biennio 2021-23
Attualità
'
0

L’Assemblea delle aziende associate a Confindustria Siracusa, svoltasi questo pomeriggio, ha eletto all’unanimità Diego Bivona Presidente di Confindustria Siracusa per il biennio 2021-23 confermandolo per il terzo mandato consecutivo alla guida dell’Associazione, dopo essere stato indicato dalla Commissione di Designazione, con parere positivo dei due Collegi speciali dei Probiviri, quello dell’Associazione e quello nazionale e con il voto unanime del Consiglio Generale dell’Associazione.

Diego Bivona ha ricordato, nella sua relazione all’Assemblea dei soci, gli anni della ricostruzione, del dialogo, del Patto di Responsabilità Sociale e della Consulta delle Associazioni di Categoria in CamCom. “Occorre trovare nella coesione e nel dibattito costruttivo la forza di condizionare le scelte della politica verso l’interesse comune del territorio e di chi lo abita e ci lavora. Solo insieme possiamo uscire dalla crisi, ma è fondamentale avere una strategia. Vincono i territori coesi che condividono strategie. È necessario creare i presupposti perché le aziende tornino a investire e a creare valore per la ripresa: il PNRR costituisce un’occasione irripetibile per realizzare le infrastrutture, soprattutto logistiche, che possano assicurare la permanenza nel nostro territorio delle realtà industriali esistenti e consentirne l’attrattività per nuovi soggetti imprenditoriali, che potrebbero trovare conveniente “fare rete” con quelli già presenti”. In questi due anni si giocherà una partita importantissima, direi vitale, per l’economia, non solo per la provincia di Siracusa, perché è in gioco la sopravvivenza di uno dei poli industriali energetici più grandi d’Europa, come finalmente ha preso atto la Regione chiedendo l’intervento del Governo Nazionale per l’istituzione dell’area di crisi industriale complessa”.

“Questo è il momento dello stare insieme, questo è il momento delle alleanze, in primo luogo con le forze sindacali e con il mondo della formazione, con cui bisogna condividere un percorso di riqualificazione professionale in grado di rispondere alle esigenze delle imprese che sono costrette a rivolgersi altrove. Chiameremo il territorio a scegliere tra la de-carbonizzazione felice od una decrescita infelice. Non ci possono essere vie di mezzo”.

“Puntiamo sulla sostenibilità, – ha detto Bivona – una sostenibilità che oltre ad essere ambientale, deve essere anche economica e sociale. Abbiamo un polo industriale che nel 2020 ha dato lavoro a quasi 9.000 famiglie e che ha generato oltre il 55% del P.I.L. della nostra provincia; ha avuto nel 2018 un fatturato di oltre 12,02 miliardi di euro e inoltre versa in tasse oltre 1.2 miliardi. Non si è mai fermato durante il lockdown, perché fornisce prodotti e servizi essenziali ed ha registrato il più alto livello di occupazione d’Italia. Va sostenuto e difeso nella grande sfida dell’emergenza climatica che attraverso la de-carbonizzazione impone una profonda trasformazione dei processi produttivi. Servono ingenti investimenti delle aziende, che non avendo una propria redditività devono essere sostenuti economicamente e garantiti nei processi autorizzativi.

“A tal proposito – ha detto il Presidente di Confindustria Siracusa – rispondendo ad un articolo che paventava il licenziamento di 1500 lavoratori della Lukoil, ho avuto rassicurazioni che trattasi di notizie infondate. L’allarme della stampa e della popolazione è giustificato però nello stato di crisi reale che il comparto della raffinazione attraversa e che conferma la sua fragilità economica, visto che, secondo alcuni dovrà adeguarsi alla transizione ecologica senza avere dallo Stato gli adeguati sostegni”.

Il Presidente Bivona ha anche ricordato l’importanza per Confindustria Siracusa,  delle PMI: “occorre farle crescere, puntare sull’innovazione, sulla digitalizzazione e metterle “in rete” per competere sui mercati”. L’economia siracusana deve  rilanciare i suoi settori-chiave: l’agroalimentare, il turismo e l’economia del mare, vera risorsa con i porti di Siracusa ed Augusta – l’uno vocato al turismo per la nautica da diporto e l’altro a divenire Porto Hub del Mediteranneo”. 

Confermata la squadra dei Vice Presidenti “perché – ha detto il Presidente Bivona – in una conduzione condivisa ed apprezzata mi sembra corretto condividere anche l’ultimo miglio”. Maria Pia Prestigiacomo (con delega al Credito, Finanza e Fisco), Giancarlo Bellina (con delega alla Transizione Energetica e digitalizzazione), Sergio Corso (con delega alla Responsabilità Sociale), Claudio Geraci (con delega alle Relazioni Industriali e Welfare), Rosario Pistorio (con delega alla Salute Sicurezza e Ambiente), Domenico Tringali, Vice Presidente Vicario (con delega alla Economia del Mare), Giorgio Tuccio (con delega all’Economia Circolare).

Il Consiglio di Presidenza è integrato con i Vice Presidenti Sebastiano Bongiovanni, Presidente del Comitato Piccola Industria, Sean Neri, Presidente dei Giovani Imprenditori e Massimo Riili, Presidente di Ance Siracusa.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com