breaking news

Augusta | Bollette del Comune pagate con fondi per i commercianti, insorgono Triberio e Contento

20 Dicembre 2022 | by Redazione Webmarte
Augusta | Bollette del Comune pagate con fondi per i commercianti, insorgono Triberio e Contento
Politica
'
0

I consiglieri di opposizione Triberio e Contento dicono No al pagamento delle bollette del Comune con i fondi del Cura Augusta 2.0 non impiegati, perché tante richieste di contributo da parte degli esercenti sono state rigettate. Si tratta di una somma residua di 250 mila euro che i consiglieri, con una mozione di indirizzo chiedono, vengano assegnate sempre ai commercianti per far fronte al caro bollette.

I fondi residui, per un ammontare di 250 mila euro,  del “Cura Augusta 2” che assegna un contributo alle attività commerciali che sono state danneggiate dalla pandemia saranno utilizzare per pagare le bollette del Comune. Una decisione questa non digerita dai consiglieri di minoranza Giancarlo Triberio e Milena Contento che sollecitano la civica Amministrazione a destinare questa somma agli esercenti. “I soldi dei ristori per i commercianti devono rimanere alle attività commerciali. I commercianti non possono pagare con i fondi a loro indirizzati le bollette del Comune. Riteniamo inaccettabile il fatto che, l’Amministrazione abbia deciso sfruttando il decreto Ristori del governo nazionale di utilizzare le somme rimanenti dal Cura Augusta 2.0 per un totale di circa 250 mila euro per pagare le bollette del Comune. “Quei fondi sono dei commercianti e devono essere utilizzate per sostenere oggi, ancora più di ieri, proprio le attività commerciali della nostra città che stanno combattendo contro il caro bollette”.

E’ stata presentata, inoltre, una mozione consiliare urgente per sollecitare il pagamento delle pratiche in sospeso del Cura Augusta 2.0 che ancora non sono state erogate. “Con la crisi energetica che sta travolgendo i nostri esercenti residenti – aggiungono Triberio e Contento – ogni giorno, con coraggio e impegno, aprono la propria porta per prestare i servizi commerciali ai nostri cittadini e che mantengono viva la città affrontando quotidianamente moltissime spese e tributi comunali onerosi tutto l’anno e non sono solo presenti per le festività o manifestazioni stagionali”. Con questo appello e con la mozione di indirizzo, i due consiglieri che siedono tra i banchi della minoranza intendono sollecitare il pagamento delle pratiche in sospeso del cura Augusta 2.0 e far sì che le somme non utilizzate, che ammontano a quasi 250 mila euro, diventino ristori ai commercianti per sopperire al caro bolletta.

“Infatti un regolamento lacunoso e incongruente nonché permissivo per alcune categorie e restrittivo per molte altre – concludono Giancarlo Triberio e Milena Contento – ha costretto la commissione esaminatrice al rigetto di più del 50% delle domande pervenute. Addirittura, però, ancora vi sono pratiche in sospeso per non chiarezza del regolamento. Pertanto chiediamo la risoluzione in tempi brevi delle domande in sospeso ma soprattutto che i soldi stanziati per i commercianti siano destinati ai commercianti e non per pagare le bollette del Comune”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 473

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *