breaking news

Augusta| Camminiamo insieme… per l’autismo a cura del “Principe di Napoli”.

Augusta| Camminiamo insieme… per l’autismo a cura del “Principe di Napoli”.
Attualità
0

Gli alunni dell’istituto comprensivo Principe di Napoli hanno voluto esprimersi nella Giornata internazionale della consapevolezza dell’autismo attraverso una marcia, accompagnati dai docenti. In piazza Duomo hanno dato vita a performance di canto e di recitazione anche in lingua inglese.

 “Camminiamo insieme …per l’autismo”,  terza edizione dell’ evento targato “Principe di Napoli”, ieri, in occasione della Giornata internazionale della consapevolezza dell’autismo. Gli studenti di scuola secondaria di primo grado del I Istituto comprensivo “Principe di Napoli”, di cui è  dirigente scolastico Agata Sortino. partendo dal plesso centrale di via Strazzulla hanno raggiunto, passeggiando, la centralissima piazza Duomo. Sul sagrato della chiesa Madre alunni di tutte le classi e anche alcuni nonni hanno dato vita a performance che hanno emozionato il pubblico

“Punto di partenza per un approccio sempre più consapevole verso un mondo ancora enigmatico, colmo di emozioni alle quali dare voce. E lo fanno qui in piazza. La scelta di questo luogo nasce da un desiderio che vuole essere piena condivisione e sensibilizzazione verso il tema. Obiettivo è sì la promozione della ricerca scientifica ma anche e soprattutto la conoscenza del fenomeno in tutti i suoi aspetti” ha detto la docente Giorgia Messina, presentatrice della manifestazione che è stata patrocinata dal Comune.

E’ stata recitata la poesia “un bambino come una farfalla nel vento”seguita  dalla performance “Le Farfalle”, la poesia “Rubio”e  poi ancora la performance “Stiamo diversi tra noi (Lorenzo). L’alunna Alice ha cantato “Una farfalla tra le stelle”. In scena anche le nonne con i loro nipoti, gli alunni con la performance “Credo negli esseri umani”, “Aforisma”. Con “I Believe i can fly” si sono esibiti i docenti di strumento musicale Rosy Messina (chitarra), Jessica Seminara (violino), Carmelo De Luca (clarinetto) e Giuseppe Giuliano (chitarra).

Successivamente la poesia “Sono strano sono nuovo”, la performance “I Pirati”, il monologo “Pianeti diversi”, la canzone dell’alunna Giada la Gioia “Unico”, la poesia racconto “La mia bolla”. Gli alunni del Liceo Mègara, diretto da Renato Santoro, hanno intonato il brano “A modo tuo”. La manifestazione si è conclusa con la performance “Sono un ragazzo fortunato” con la partecipazione del gruppo degli insegnanti di sostegno.

Tra i vari momenti salienti della presentazione quello che ha parlato della farfalla simbolo dell’autismo:“Anche una farfalla senza ali può volare. La farfalla simbolo dell’autismo ci restituisce l’idea della libertà ma anche della fragilità, quella fragilità che può diventare forza con il giusto sostegno. Da piccoli ci hanno insegnato a non toccare le farfalle, perché se togli quella polvere bianca loro perdono la capacità di orientarsi. Oggi le nostre farfalle blu le sosteniamo con il cuore, le sfioriamo, con un pensiero che si traduce in coraggio e guida il loro volo”.

Le coreografie sono state curate da Rosy Centamore, docente di sostegno e organizzatrice dell’evento. Gli alunni che si sono esibiti sono stati preparati anche dalle docenti Pinacchi, Repici, Rosa Messina, Saraceno, Giorgia Messina, Lupino. “Ogni volta Rosy Centamore ci porta in un mondo di emozioni troppo forti – ha detto Agata Sortino – che ci mettono a dura prova. Facciamo i conti con noi stessi e con la diversità di cui ognuno di noi è portatore”.  Particolarmente apprezzato il confronto tra generazioni: nonna, mamma e nipote, ideato dalla docente Centamore. Nei prossimi giorni, un altro evento sul tema dell’autismo sarà a cura degli alunni della scuola primaria e dell’infanzia del “Principe di Napoli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com