breaking news

Augusta | Casa di reclusione. Violenze all’ordine del giorno

Augusta | Casa di reclusione. Violenze all’ordine del giorno
Augusta
0

I sindacati di Polizia Penitenziaria USPP, CGIL, CISL, CNPP e SIPPE denunciano un altro grave episodio di violenza ai danni di Assistente Capo della Polizia Penitenziaria costretto a ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso dell’Ospedale “Muscatello” di Augusta con una prognosi di 6 giorni.

Dopo le aggressioni avvenute il 27 e 30 Aprile, si registra un nuovo grave episodio di violenza nei confronti di un Assistente Capo della Polizia Penitenziaria, intervenuto per sedare una colluttazione tra due detenuti. A denunciarlo i sindacati di Polizia Penitenziaria, che continuano a evidenziare la grave situazione che la struttura vive ormai da diversi mesi. “La situazione – affermano in un comunicato i sindacati di Polizia Penitenziaria USPP, CGIL, CISL, CNPP e SIPPE – sta superando il limite della sostenibilità e della sopportabilità. Ormai andare a lavorare alla Casa Reclusione di Augusta per il personale è come andare in guerra. Non si può giocare con la vita delle persone!

Situazione ormai nota a tutti, dalla Ministra della Giustizia all’Amministrazione Penitenziaria, sia a livello centrale che regionale che alla Politica e all’opinione pubblica. Il personale non è più disposto a subire angherie di ogni genere da parte di taluni facinorosi, dagli insulti, alle minacce, alle aggressioni senza che nessuno muova un dito. Ormai è palese che all’autorità dirigente della Casa Reclusione di Augusta stia sfuggendo di mano la gestione dell’ordine e la sicurezza, perché non è possibile che in poco meno di una settimana si siano verificate tre aggressioni al personale, con prognosi che vanno dai sei ai venti giorni. Aggressioni che, ad Augusta si susseguono da oltre 6 mesi.

È necessario un urgente cambio dei vertici e chiediamo – conclude il comunicato – al Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria di intervenire con urgenza visto che in Sicilia il Provveditore non sembra tener conto delle continue denunce avanzate non solo da queste Organizzazioni Sindacali ma anche da altri Sindacati della Polizia Penitenziaria”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com