breaking news

Augusta| Chiusura locali Guardia medica: protestano lo Spi-Cgil e Fratelli d’Italia.

28 Ottobre 2018 | by Redazione Webmarte
Augusta| Chiusura locali Guardia medica: protestano lo Spi-Cgil e Fratelli d’Italia.
Attualità
'
0

La recente chiusura della sede di via Megara della Guardia medica, per inagibilità dei locali, e il conseguente trasferimento temporaneo del servizio nel nuovo plesso del Muscatello crea disagi all’utenza, soprattutto agli anziani. Critiche al Comune da Fratelli d’Italia e dello Spi –Cgil che sollecitano soluzioni. Il sindaco: “l’erogazione del servizio è un’esclusiva competenza dell’Asp”.

Col trasferimento della Guardia medica nei locali del Punto di primo intervento, sito al piano terra del nuovo padiglione dell’ospedale Muscatello, adiacente al Pronto, soccorso sono iniziati i problemi per gli augustani, privati di un servizio necessario al centro della città. I dirigenti cittadini di Fratelli d’Italia, Marco Failla, Enzo Inzolia e Mariada Pansera, intervengono denunciando ancora una volta: “l’incapacità dell’amministrazione pentastellata di seguire, prevenire, governare le esigenze e le criticità della città; infatti – dichiarano – arriva sempre dopo che i problemi sono insorti (basti pensare alle croniche interruzioni nel funzionamento dell’acquedotto nell’isola) dovendo ricorrere a provvedimenti dettati dall’emergenza e dai quali i cittadini escono eternamente danneggiati. Adesso arriva la chiusura della Guardia medica e il suo trasferimento (si spera temporaneo in attesa del reperimento di nuovi locali) per inagibilità della struttura. Come se fosse stato impossibile accorgersi per tempo delle deficienze strutturali e porvi tempestivo rimedio”. Per il segretario del locale Spi Cgil, Carmelo Lo Turco la popolazione anziana in particolare, non può recarsi al Muscatello per usufruire del servizio. Il sindacalista invita, pertanto, il Comune ad attivarsi per mettere a disposizione una nuova sede.

Nella sua pagina facebook il sindaco Cettina Di Pietro spiega: “ i locali della Guardia medica, siti in Via Megara, da sopralluoghi effettuati dai nostri tecnici sono risultati inagibili a causa di pesanti infiltrazioni e problemi di staticità. I locali erano concessi in comodato d’uso gratuito all’Asp per non privare la collettività del servizio, anche dopo le prescrizioni relative allo stato di dissesto finanziario, che avrebbero imposto il corrispettivo di un canone. Intendo precisare che l’erogazione del servizio di Guardia Medica è un’esclusiva competenza dell’Azienda sanitaria provinciale, e pertanto confido che la stessa metta le “mani al portafoglio“ e garantisca, con idonee iniziative, il mantenimento di un presidio nel centro storico”. Per  contattare il medico di servizio è possibile  formulare il numero  335 773577.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com