breaking news

Augusta| Conclusi i festeggiamenti in onore del S.Cuore nel segno della memoria e dell’identità

Augusta| Conclusi i festeggiamenti in onore del S.Cuore nel segno della memoria e dell’identità
Attualità
'
0

Con la solenne processione del venerato simulacro del S.Cuore e l’atteso spettacolo pirotecnico dei f.lli Chiarenza, si è conclusa domenica l’annuale ricorrenza in cui si celebra l’identità del quartiere borgata.

Dieci giorni intensi vissuti con genuina fede e devozione da una comunità che si identifica proprio nel Cuore di Gesù e che quest’anno ha celebrato l’ottantesimo anniversario della posa della prima pietra della chiesa parrocchiale.

L’evento, promosso dal parroco don Davide Di Mare con un nutrito e attivo comitato, è stato vissuto nel segno della memoria e tutto il programma dei festeggiamenti è stato centrato su questo specifico momento che ebbe luogo il 28 Febbraio 1937 e che segnò l’inizio della costruzione della nuova chiesa del rione Corso Croce nella contrada Stazione.

Memoria e identità” il leit motiv di questi festeggiamenti dove il ricordo di quanti si sono adoperati per la costruzione dell’edificio materiale è stato affiancato al ricordo di quanti hanno lavorato per la crescita della comunità a partire dal primo parroco don Aldo Caramagno e ai laici impegnati nel corso di ottantanni.

L’anniversario è stato segnato da specifici eventi, come la mostra di testimonianze archivistiche, storiche ed artistiche della Parrocchia curata da Giuseppe Carrabino; la mostra iconografica a cura dell’Associazione “Percorsi Sacri” di Pedara e la mostra di plastici degli edifici identificativi della Borgata curata dal prof. Giuseppe Garilli. Ad essi ha fatto da collante il concerto commemorativo “Una Chiesa in Cammino” ideato e curato dal Coro Giovanile della parrocchia diretto da Mauro Farina, che ha ripercorso i momenti salienti della devozione al S. Cuore in Augusta.

Il novenario è stato predicato dai sacerdoti Luca Gallina, Marco Politini, Salvatore Nicosia, Marco Serra, Alessandro Genovese, Andrea Zappulla, Luca Saraceno e Marco Scolla e Gianluca Belfiore.

L’animazione delle SS. Messe è stata curata dai cori che hanno partecipato al IX Meeting in memoria del Can. Aldo Caramagno: il coro parrocchiale S. Tecla in Carlentini, “S. Pellegrino Laziosi” di Siracusa, il Coro “Gesù ti ama”, i “Missionari del Vangelo”, il Coro della Parrocchia di Buscemi, il coro “Madonna delle Lacrime” in Solarino, la corale diocesana “Alessandra Ucciardello” e i cori della parrocchia del S.Cuore.

Particolarmente significativo l’incontro “La casa di reclusione al servizio della Città di Augusta” con la presenza del Direttore dott. Antonino Gelardi, e l’esibizione della “Brucoli Swing Band” diretta da Maria Grazia Morello. Apprezzati altresì il concerto di evangelizzazione “Gioia che invade l’anima” e quello con le mamme del coro “In Coro Nate” del I Istituto Principe di Napoli e l’associazione Hyblea Music.

Di notevole interesse il momento di preghiera e di riflessione sull’importanza della legalità curato dal Gruppo AGESCI Augusta 2 “Claudia Franco”.

Da giovedì hanno avuto inizio gli spettacoli curati dal Centro Studi “Arabesque” di Francesca Baudo, dal M° Antony Coppola reduce dalla puntata della trasmissione “Amici” e la palestra “Olimpia-Ginevra Fitness” di Rosi Centamore. Nel giorno conclusivo dei festeggiamenti si è esibito  il gruppo “The Things” a cura dell’Associazione “Genitori e Figli”.

Per tutta la durata dei festeggiamenti il sagrato e le vie principali del quartiere sono state illuminate a festa con le artistiche luminarie curate dalla ditta “Archimede 2008”.

Le processioni esterne sono state accompagnate interamente dal Corpo Bandistico Federico II Città di Augusta diretto dal M° Gaetano Galofaro.

Una festa particolarmente vissuta e partecipata dagli abitanti – come ha precisato il parroco nel suo indirizzo di ringraziamento – promossa con le sole offerte dei fedeli, dei commercianti e delle aziende del territorio che non hanno fatto mancare il loro sostegno.

Ancora una volta la festa ha rappresentato per il quartiere Borgata un forte e significativo momento di aggregazione attorno al simbolo del Cuore di Gesù che ha richiamato tanta gente proveniente anche da diversi quartieri della città. E’ stato veramente commovente, durante il transito della processione, assistere a scene di anziani e ammalati che attendevano l’arrivo del fercolo seduti davanti le porte di casa, famiglie al seguito, bambini sollevati per essere accostati al simulacro, ovunque il simulacro è stato accolto con gesti di genuina fede. Gli stessi sacerdoti che hanno presieduto la processione hanno ammirato e apprezzato la straordinaria partecipazione di fede accompagnata dai segni della tradizione popolare.

La festa si conclude con il dono che l’Arcivescovo di Siracusa Mons. Salvatore Pappalardo ha voluto fare alla comunità con la nomina di un sacerdote del Burkina Faso, don Cirillo, quale collaboratore del parroco don Di Mare.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *