breaking news

Augusta| Conferenza stampa congiunta questa mattina dei consiglieri di opposizione

15 Luglio 2016 | by Sebastiano Salemi
Augusta| Conferenza stampa congiunta questa mattina dei consiglieri di opposizione
Politica
'
0

All’indomani di quanto annunciato dal sindaco sulla vicenda parcheggi in località Faro Santa Croce, l’opposizione fa il punto della situazione.

Ad aprire la conferenza stampa è il consigliere Giuseppe Di Mare che afferma quanto fosse doveroso rispondere immediatamente alle “esternazioni aggressive del Sindaco”. “Il risultato – spiega il consigliere – è stato raggiunto di sicuro, e la soluzione è quella che da mesi noi stessi avevamo proposto, ma un’amministrazione che ha realmente a cuore i problemi della Città si muove per tempo e non aspetta un anno intero per risolverli”. Circa la petizione popolare lanciata dall’opposizione sulla nota vicenda, il consigliere rimanda al mittente l’invito ai consiglieri a “studiare” fatto ieri dal Sindaco Cettina Di Pietro. “Conosciamo perfettamente le modalità con cui deve essere elaborata una petizione ma il nostro scopo, che questa amministrazione evidentemente fa finta di non comprendere, era quello di registrare semplicemente gli umori degli augustani sulla vicenda e fare da pungolo per la risoluzione urgente del problema. Sia il Sindaco a studiare ed informarsi – continua Di Mare – per evitare gaffe colossali come quella fatta ieri in conferenza stampa a proposito della disparità di trattamento tra la concessione dei terreni da adibire ad area di sosta di Brucoli e del Faro, in comodato d’uso gratuito il primo di proprietà dell’Enel, che dal 2000 non è più un Ente pubblico come affermato dal Sindaco ma è a tutti gli effetti una società privata, e la locazione a pagamento del secondo di proprietà dell’attuale Vicesindaco Giuseppe Schermi”.  Il consigliere Enzo Canigiula si dice certo che il problema Faro sarebbe stato prima o poi risolto, ma che afferma “sarebbe bastata un’ordinanza emessa dal Sindaco per motivi di ordine pubblico perché – continua – un Sindaco coraggioso deve avere anche la capacità di assumersi le proprie responsabilità di fronte a problemi urgenti e non rinviabili”. Il consigliere Canigiula rilancia poi chiedendosi a questo punto quando di fatto l’area di sosta potrà essere realmente fruibile dai cittadini considerando le lungaggini a cui ci sta abituando questa amministrazione, e a questo proposito ricorda tutte le altre iniziative e proposte di cui l’opposizione si sta facendo portavoce. “Le nostre – continua Canigiula – sono tutte iniziative serie e concrete ma è scandaloso che i consigli comunali monotematici, tutti da noi proposti e sollecitati come quello di stasera sulla depurazione delle acque, vedano la luce solo dopo parecchi mesi rispetto alle nostre richieste, mortificando l’urgenza delle tematiche e sminuendone l’importanza”.  A seguire le dichiarazioni del consigliere Giancarlo Triberio. “L’avevamo detto che la soluzione sarebbe stata questa – afferma – e non perché siamo in possesso di super poteri, ma perché avevamo studiato seriamente la vicenda e questa era l’unica strada praticabile”. Polemico Triberio riguardo i tempi perché “già dal mese di agosto dello scorso anno il problema era stato segnalato, se non altro per motivi di ordine pubblico. Il Sindaco così – continua il consigliere – smentisce inoltre la sua stessa maggioranza che in Consiglio Comunale aveva stravolto la mozione portata da questa opposizione e che al primo punto proponeva di adibire ad area di sosta proprio i terreni oggi prescelti. Aspettiamo ora che si proceda con celerità ma il Sindaco ci comunichi, perché la diversità delle prescrizioni fra le due aree di sosta di Brucoli e del Faro? Quanto verrà a costare la locazione dei terreni? Quanto l’adeguamento? Perché, si chiede il consigliere, un’amministrazione sempre così attenta a “risparmiare” non decide definitivamente per l’esproprio per pubblica utilità piuttosto che spendere denaro pubblico a fondo perduto, considerando che il prossimo anno tutti questi problemi si porranno nuovamente? Le entrate derivanti dal ticket per la sosta che i cittadini dovranno pagare al Faro, conclude Triberio, potrebbero essere destinate ad ulteriori migliorie piuttosto che a coprire parte delle spese sostenute”. Il consigliere Marco Niciforo esordisce affermando che “in poco meno di un anno si è passati dal dire che l’area di sosta non si può fare perché esiste un vincolo, a l’area di sosta si può fare anche se c’è un vincolo. Evidentemente era chiaro a tutti, continua, tranne che a loro, che questo non fosse un problema insormontabile come volevano farci credere, anche perché per adibire quei terreni ad area di sosta stagionale, così come avverrà e così come noi abbiamo sempre detto, non era necessario nessun cambio di destinazione d’uso, procedura sicuramente più lunga e macchinosa. Di sicuro – continua Niciforo – ci aspettavamo un clima diverso ieri in conferenza stampa, rilassato e positivo, e invece abbiamo dovuto assistere per oltre un’ora ad un Sindaco che ha attaccato e provocato tutti, compresa ovviamente questa opposizione senza la quale, lo affermiamo con certezza, non saremmo mai arrivati alla risoluzione del problema, anche perché e teniamo a ricordarlo, questa amministrazione aveva già virato verso soluzioni alternative, sulle quale peraltro è calato poi il più assoluto silenzio. Il nostro Sindaco, inoltre, ha perduto l’ennesima occasione per mostrare rispetto per la Città: affermando infatti che quelle 3.000 firme sono carta straccia, ha affermato che anche l’opinione di quei 3.000 cittadini per lei non vale assolutamente nulla. Restiamo in attesa di capire come verrà gestita la decisione, che non condividiamo, di far pagare i cittadini per la sosta e se, al contrario, proprio questa decisione non diventi alla fine antieconomica dovendo garantire la presenza di chi materialmente dovrà occuparsi dell’incasso. Siamo arrivati – continua Niciforo – lì dove da sempre dicevamo: si intravede all’orizzonte un enorme conflitto di interessi che ora verrà proprio certificato da quel contratto di locazione con cui l’Amministrazione affitta a se stessa. Il Sindaco ieri, ha perso un’ulteriore occasione per offrire un segno di pace ai suoi stessi uffici polemizzando con toni aggressivi verso le diverse prescrizioni da attuare circa le aree di sosta elaborate dai suoi Responsabili. Manca di rispetto due volte a loro e a se stessa dimostrando l’incapacità di organizzare la macchina amministrativa”. Anche dal consigliere Niciforo arriva infine l’esortazione a placare gli animi piuttosto che aizzarli e ad intraprendere una collaborazione corretta e serena, ricordando che proprio questa opposizione non ha mai smesso di essere seria e propositiva come testimoniano tutte le iniziative e le interrogazioni arrivate in Consiglio Comunale. A concludere la conferenza stampa è il consigliere Nilo Settipani che esprime la sua soddisfazione, come cittadino, nel vedere risolta anche se temporaneamente, la vicenda Faro. Il consigliere continua condannando il clima avvelenato che imperversa sui social e dimostra la propria solidarietà all’attivista del Movimento 5 Stelle vittima di un’aggressione nei giorni scorsi. Il consigliere Settipani continua poi  accusando di assoluta incoerenza questa amministrazione che nulla avrebbe dei requisiti e dei valori che animano il Movimento 5 Stelle del quale rimane orgogliosamente a far parte e si chiede perché ad Augusta, come invece accaduto a Quarto e Gela per casi anche meno gravi, non vengano presi provvedimenti da parte dei vertici nazionale del Movimento stesso. “Ulteriore esempio di mancanza di coerenza – conclude Settipani – la gestione della vicenda area di sosta al Faro perché, afferma, in seno al movimento si era sempre affermato che quei terreni sarebbero stati aperti a titolo del tutto gratuito. Così non sarà”.

 

 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com