breaking news

Augusta | Contrada Malfitano resta in abbandono con 120 famiglie dimenticate

18 Febbraio 2022 | by Redazione Webmarte
Augusta | Contrada Malfitano resta in abbandono con 120 famiglie dimenticate
Attualità
'
0

Contrada Malfitano ancora in preda alle carenze: idrica, di illuminazione e di manutenzione stradale. Una zona dimenticata come denuncia, ancora una volta, Sebastiano Mignosa residente del luogo abitato da 120 famiglie, che non è neanche attraversata dal servizio di trasporto urbano. L’unico intervento eseguito da quando, all’incirca tre mesi fa il cittadino denunciava i problemi, è il diserbo.

Contrada Malfitano, una zona del territorio augustano che insiste nei pressi di Brucoli, è abbandonata perché carente di manutenzione e servizi. “Siamo conosciuti come contribuenti ma non come residenti” dichiara Sebastiano Mignosa, abitante in della zona che torna, a distanza di tre mesi, a denunciarne i problemi che la penalizzano: assenza  di servizi: strade dissestate, niente acqua comunale e scarsa illuminazione. La zona, inoltre, non è servita dal trasporto urbano. E grava tanto nel bilancio familiare dei residenti la mancata erogazione idrica comunale. L’approvvigionamento dell’acqua avviene tramite trivelle o autobotti. L’unico problema parzialmente risolto da quando il cittadino ha segnalato le varie criticità è il diserbo, eseguito però da allora solo una volta.

In contrada Malfitano risiedono 120 famiglie ed hanno sede anche due case di cura. “Le bollette e le tasse comunali ci vengono puntualmente recapitate – dice Mignosa – ma nessuna attenzione viene a noi riservata nonostante, più volte, io mi sia rivolto al sindaco di Augusta. L’ho incontrato segnalandogli tutti i problemi che penalizzano contrada Malfitano. Non è mancato l’impegno da parte del primo cittadino a risolverle, ma le parole non si sono concretizzati in fatti, se non quello di una minima scerbatura ai margini delle strade, che non basta per lenire i disagi ed andare incontro alle esigenze di noi residenti. A distanza di tre mesi non abbiamo dimenticato ciò che è accaduto lo scorso autunno quando i nubifragi hanno allagato le nostra strade. Arterie che sono state liberate dall’acqua solo grazie all’intervento effettuato dalla ditta che sta eseguendo i lavori di dismissione del passaggio a livello di Brucoli con creazione di un sottopasso ferroviario”.

“Da oltre 5 anni –ribadisce Mignosa – nessuno provvede alla manutenzione stradale. La carreggiata è piena di buche. Quando piove siamo prigionieri dell’acqua. La mancanza di caditorie fa sì che si creino allagamenti. Siamo inoltre penalizzati dall’assenza di un servizio di trasporto urbano. Basterebbe modificare la corsa che conduce alla frazione marinara per risolvere questo problema che cera disagi soprattutto alle persone anziane che non si muovono in automobile.  Per la carenza di pubblica illuminazione l’ex Provincia aveva dotato il tratto compreso tra la stazione di Brucoli e la zona Campana di un nuovo impianto. Da tre anni i lampioni restano guasti e nessuno provvede a ripristinarli. Mignosa ricorda che per quanto riguarda questo problema il sindaco sostiene che non spetti al Comune risolverlo, perché le competenze sulla strada sono del Libero consorzio comunale di Siracusa. Ma anche se l’Ente locale “non può intervenire in casa d’altri”, che almeno si faccia interprete delle nostre esigenze.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *