breaking news

Augusta | Festa dell’Albero alla Principe: messa a dimora di piante e riflessioni

12 Dicembre 2021 | by Redazione Webmarte
Augusta | Festa dell’Albero alla Principe: messa a dimora di piante e riflessioni
Attualità
'
0

Il I Istituto comprensivo “Principe di Napoli”, diretto da Agata Sortino, ha celebrato la festa dell’albero con la messa a dimora di piante fiorite e alberi di alloro, puntando sull’importanza di salvaguardare l’ambiente e la natura e nel ricordo di Maria Grazia Cutuli, la giornalista uccisa in Afghanistan vent’anni fa. Le docenti di lettere Valeria Paci, Tiziana Repici ed Alessia Saraceno hanno curato una tavola rotonda, dedicata alla cronista ,che si è svolta nell’auditorium comunale. Manifestata l’intenzione di intitolare il plesso “Scuole verdi” all’inviata del Corriere della sera.

Anche quest’anno il I Istituto comprensivo “Principe di Napoli” non è mancato al tradizionale appuntamento con la festa dell’albero. La ricorrenza è stata dedicata alla giornalista Maria Grazia Cutuli, assassinata in Afghanistan 20 anni fa. Nel cortile del plesso Paradiso, dove nel 2001 venne piantumato un melograno, dedicato all’inviata del Corriere della sera, che perse la vita sulla strada che collega Jalalabad e Kabul, albero di cui la scuola si prende meticolosamente cura, sono state messe a dimora due piante fiorite e gli alunni di quinta primaria hanno esternato pensieri sugli alberi e sulla natura, impressi su bigliettini colorati con cui hanno addobbato l’area esterna della scuola. “Gli alberi sono indispensabili, infatti, per le loro capacità: consentono di assorbire l’anidride carbonica e rilasciare ossigeno, prevenire il dissesto idrogeologico e proteggere la biodiversità”. Questi concetti sono abbastanza chiari anche ai più piccoli. A seguire gli alunni di scuola secondaria di primo grado hanno dato voce a riflessioni sia sull’importanza di salvaguardare l’ambiente sia sulla giornalista caduta in un Paese straniero, dove svolgeva il suo lavoro nelle condizioni più difficili, da cronista e testimone dei fatti pronta a raccontarli ai lettori.

Nel plesso centrale sono stati piantumati successivamente due alberi di alloro. La celebrazione della giornata è proseguita nell’’auditorium “Giuseppe Amato” con un incontro, che ha visto conversare i ragazzi delle classi terze di scuola secondaria di primo grado con il sindaco Giuseppe Di Mare, l’assessore alle Politiche dell’istruzione Ombretta Tringali, Enzo Parisi di Legambiente e la giornalista Agnese Siliato. Le domande rivolte dagli studenti delle terze A, C e D, agli ospiti hanno riguardato l’attività di Maria Grazia Cutili e il giornalismo in generale, l’ambiente e il territorio. Rispondendo ad una domanda posta da un alunno il primo cittadino si è detto disponibile ad intitolare un luogo o un edificio di Augusta alla cronista uccisa in Afghanistan il 19 novembre 2001. La dirigente scolastica Agata Sortino ha colto l’occasione per suggerire l’intitolazione del plesso “Scuole Verdi”. Proposta che l’amministrazione comunale ha accolto. L’evento è stato presentato da Beatrice Sicari della III B. Cinque alunne delle stessa classe hanno letto un monologo sulla vita di Maria Grazia Cutuli.

“A voi ragazzi dico: seguite sempre i vostri sogni e le vostre passioni, senza avere mai paura di niente e di nessuno, il mondo è nelle vostre mani e non dovete vivere la vostra vita passivamente, bensì sfruttare ogni occasione che essa vi presenta. Sognate, ridete, viaggiate e trovate la felicità nell’aiutare il prossimo”. Sono le parole, inserite nel testo che, secondo le ragazze autrici dello stesso, la cronista avrebbe rivolto alle giovani generazioni. Due allieve della terza D hanno poi recitato una loro poesia dedicata alla coraggiosa cronista, di cui riportiamo alcuni passi: “Hai compiuto un viaggio duro e dell’Afghanistan hai visto il lato più oscuro. Il viaggio verso Kabul ti ha portato via la vita in un modo scandaloso e per noi saperlo è stato molto doloroso. A te “Montagna Incantata” che all’improvviso in una macchina ti sei addormentata. Son passati ormai vent’anni che ricordiamo come se fossero i tuoi compleanni”. L’intervento di Enzo Parisi si è concentrato sull’importanza di piantumare alberi che sono vita, di onorare la verità e la correttezza e sulla questione climatica e ambientale. Tra i quesiti posti al sindaco quello riguardante Torre Avalos di cui il maltempo ha favorito il parziale crollo. Di Mare ha fatto sapere che il Comune intende chiedere la gestione del gioiello di architettura militare che troneggia nel comprensorio di Terravecchia. Il primo cittadino, infine, ha consigliato agli alunni di sforzarsi di fare bene le cose, di credere e di cercare sempre la verità. La dirigente scolastica Agata Sortino ha concluso l’incontro sottolineando l’impegno profuso dalle docenti di lettere Valeria Paci, Tiziana Repici ed Alessia Saraceno, che hanno curato l’attività, e col proposito di intitolare il plesso che insiste in via Dessiè a Maria Grazia Cutuli.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com