breaking news

Augusta | First Lego League, il Ruiz accede alla finale nazionale

Augusta | First Lego League, il Ruiz accede alla finale nazionale
Attualità
'
0

L’Arangio Ruiz parteciperà con la sua squadra “Metaltech“ alla finale nazionale della First Lego League, gara di robotica e scienze a squadre mentre il team del Ruiz “Buzz Lightyear“ selezionato per le finali del Premio “Oltre la robotica“ del Miur per il miglior progetto scientifico. La fase regionale della competizione si è appena conclusa ed ha avuto luogo nella sede del Ruiz. Grande soddisfazione esprime la dirigente scolastica Maria Concetta Castorina. Tutte e due i progetti  scientifici delle squadre del Ruiz mirano  alla riduzione degli effetti indesiderati legati alle attività di trasporto merci all’interno del centro urbano di Augusta

Si è conclusa nei giorni scorsi con risultati importanti per l’Arangio Ruiz, la “First Lego League“ svoltasi nella sede dell’Istituto scolastico superiore augustano, partner regionale della Fondazione Museo civico di Rovereto, che in Italia coordina la challenge mondiale. Diciassette squadre siciliane e calabresi,  composte da ragazzi dai nove ai sedici anni si sono affrontati in una gara avvincente, il cui tema, “Cargo Connect”, riguarda la logistica e il trasporto delle merci. Hanno superato le selezioni regionali, guadagnandosi così un biglietto per le finali nazionali, che si svolgeranno a Rovereto il 26 e il 27 marzo, la squadra “Metaltech“ del Ruiz e il team “DallaChiesaBit“ di San Giovanni La Punta. Sono state invece selezionate per le finali del Premio “Oltre la robotica“ del Miur per il miglior progetto scientifico, il team del Ruiz “Buzz Lightyear“ e i “Technosales“ di Catania. Tre  le  fasi di gara: con i kit lego i ragazzi hanno programmato robot autonomi in grado di svolgere le missioni previste nel campo di gara (Robot Game); hanno presentato le soluzioni robotiche adottate (Robot design); hanno proposto soluzioni innovative e sostenibili  al problema dei trasporti (Progetto Scientifico). Il tutto rispettando i valori della manifestazione che prevedono fair play e lavoro di squadra, creatività, spirito di problem solving, ma anche divertimento (Core Value).

Tanti i premi assegnati alle squadre, che hanno dimostrato passione, dedizione e voglia di mettersi in gioco in una challenge che unisce Robotica e Scienza. Buoni piazzamenti anche per le altre due squadre del Ruiz, i Vultus, che guidati dalle docenti Candida Sapia e Rosaria Ruggero, hanno conquistato il Premio Core Value  e i Mazinga, che con i coach, docenti Giada Castorina e Gaspare Casano, hanno ottenuto il premio Stella nascente. Il team che andrà a Rovereto per la finale, i  Metaltech,  è composto: dai coach Giorgio Spatola  e Tiziana Bari  e dagli studenti Mattia Lombardo Gianluca Passanisi di 2BI Informatica e Giuseppe Molino, Giuseppe Bramanti, Francesco D’Amico e Christian Cicero di 2A Elettronica. Invece la squadra che parteciperà alla finale di Roma per il premio “Oltre la robotica“, i Buzz Lightyear, è formata dagli studenti: Milo Azzoppardi, Gabriele Caramagno, Daniele Gaeta, Carmen Lamia, Giuseppe Tramontana della 1Q  del Liceo quadriennale delle Scienze Applicate, Paolo Gennaro di 1A Elettronica, Alessandro Coco e Alberto Callari di 1A Informatica, supportati dai coach, docenti Edvige Cotzia e Vincenzo Tinè.  

Tutte e due i progetti  scientifici delle squadre del Ruiz mirano  alla riduzione degli effetti indesiderati legati alle attività di trasporto merci all’interno del centro urbano di Augusta. Scopo dei progetti è stato quello di studiare le possibili strategie, implementando, mediante l’ausilio di un WebGis e di un’App dedicata, un modello “di trasporto merci sostenibile” intervenendo, in modo diverso ma complementare nelle due ipotesi,   sulla tipologia di segnaletica stradale, sulla regolamentazione degli accessi per i veicoli commerciali e/o sulle limitazioni delle loro dimensioni, suggerendo l’adozione di particolari schemi di gestione del traffico, proponendo piani di sviluppo di infrastrutture innovative, fino all’adozione del road-pricing, già in uso in parecchie realtà urbane europee. “Sono davvero soddisfatta del risultato ottenuto – ha commentato la dirigente scolastica del Ruiz, Maria Concetta Castorina. – Gli studenti hanno affrontato con passione ed entusiasmo un lavoro complesso sotto la guida esperta del prof.re Angelo Santacroce, referente dei progetti di Robotica. Ma il progetto è anche il risultato di una sinergia che ha visto collaborare insieme tutti gli attori della scuola: studenti, insegnanti, collaboratori scolastici e rappresentanti del territorio. Insomma un modello vincente di comunità educante al lavoro”.

Infatti oltre al prezioso supporto di Andrea, Sara e Arianna del Museo Civico di Rovereto che hanno condotto le due giornate, il Ruiz ha potuto contare sulla presenza come giudici onorari dei docenti Michele Mangiameli e Giuseppe Mussumeci del Dicar, il Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura dell’Università di Catania. La scuola augustana si è, inoltre, avvalsa, della collaborazione per il Progetto scientifico del Comune di Augusta nelle persone degli assessori Giuseppe Carrabino e Giuseppe Tedesco; sulla consulenza degli esperti, Attilio Montalto, segretario  Generale dell’AdSP del Mare di Sicilia Orientale e di Giancarlo Greco, rappresentante del comitato dei commercianti di Augusta. La dirigente, i dirigenti e i collaboratori rivolgono un in bocca al lupo agli studenti del Ruiz che rappresenteranno ancora una volta Augusta in una competizione di altissimo livello.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *