breaking news

Augusta| GESTIONE DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DELLE DIMISSIONI DI PISANI. MORTIFICATO IL RUOLO DEL CONSIGLIO COMUNALE

Augusta| GESTIONE DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DELLE DIMISSIONI DI PISANI. MORTIFICATO IL RUOLO DEL CONSIGLIO COMUNALE
Augusta
0
L’opposizione esprime “forte dissenso per le modalità con cui ancora una volta questa amministrazione gestisce una vicenda che porta con sé inevitabili e pesanti conseguenze politiche”.

“Come se non fosse successo nulla. Qualcuno diceva che è necessario che tutto cambi affinché nulla cambi. E nessuna frase può meglio sintetizzare quello che è accaduto nell’arco di meno di una settimana in città”. A dirlo sono i 12 consiglieri comunali di minoranza in un comunicato stampa congiunto. “Rispetto meritano le motivazioni che hanno indotto il Dott. Pisani a fare un passo indietro. Non si può tuttavia negare che le sue dimissioni privino questa amministrazione del suo elemento più autorevole e trasversale, oltre che “forte” in termini numerici di consenso, elemento di garanzia di questa giunta che perde innegabilmente il suo legame più forte con la Città che gli ha accordato, forse anche per quella importante presenza, l’ampia fiducia elettorale.  Esprimiamo forte dissenso per le modalità con cui ancora una volta questa amministrazione gestisce una vicenda che porta con sé inevitabili e pesanti conseguenze politiche. Dopo nove mesi dal suo insediamento questa amministrazione non ha ancora compreso, o meglio non vuole farlo, il ruolo primario che riveste il Consiglio Comunale e continua a mortificarne l’importanza, il ruolo e le funzioni. Il Consiglio Comunale è, fra l’altro, il luogo deputato alle comunicazioni ufficiali circa eventi così rilevanti e determinanti per la vita amministrativa di questa Città, quali sono le dimissioni del suo Vice Sindaco. E proprio a questa comunicazione si sarebbe dovuto dedicare il primo punto all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio tenutosi lo scorso 10 marzo. Parliamo di cortesia istituzionale, passaggi che un’Amministrazione è tenuta a consumare nel rispetto degli Organi di governo della città stessa. Non sono formalità fini a se stesse. E’ forma che si traduce in sostanza e rispetto delle regole. La Città perde il suo Vice Sindaco, nonché Assessore con alcune fra le più importanti deleghe; l’Amministrazione lo sostituisce, nomina un nuovo Assessore, peraltro non conosciuto, un nuovo Vice Sindaco e rimodula ulteriormente le deleghe: questi sono tutti i passaggi importantissimi che con imperdonabile leggerezza e gravità sono stati taciuti al Consiglio e sono stati invece solo oggetto di riflessioni interne al gruppo di maggioranza che rivelano, inoltre, una gestione sempre più familiare della cosa pubblica.   La conferenza stampa, gestita peraltro con modalità altrettanto discutibili, si rivolge ad un pubblico diverso e, di certo, non può sostituire il passaggio sulla vicenda che andava per correttezza fatto in Consiglio Comunale. Nessun pregiudizio gratuito sul nuovo assessore. Giudicheremo solo il suo operato e gli atti concreti e utili che saprà produrre per la Città. Ma anche questa volta due considerazioni vanno inevitabilmente fatte. Che fine ha fatto la modalità di “reclutamento” degli assessori tramite valutazione del proprio curriculum, tanto sbandierata in campagna elettorale?  La conoscenza personale di cui si è parlato in conferenza stampa e il lungo “corteggiamento” di cui il nuovo assessore è stato oggetto, peraltro operato da parte di chi in questa amministrazione non ha NESSUN RUOLO, come candidamente confessato dallo stesso neo-assessore, possono sostituire questo metodo? E ancora, è mai possibile che neanche in questo caso la nostra Città, seppur ricca di professionisti capaci e preparati, potesse fornire un nome all’altezza del ruolo? Noi, al contrario ci rifiutiamo assolutamente di pensare che non esistesse una risorsa valida ad Augusta. Non si tratta di sciocco campanilismo ma di valorizzazione delle ricchezze, anche umane, del nostro territorio che avrebbe garantito, oltre alle indispensabili competenze tecniche necessarie, una presenza stabile in città e non a giorni alterni, come avviene anche in altri casi noti. Nessun rispetto per chi non è dentro al cerchio magico delle stelle, ormai in realtà declassato a rango di cerchietto nell’orbita catanese: nessun rispetto per la stampa, mortificata dall’attesa infinita e impossibilitata, a conti fatti, a poter compiere il proprio mestiere; nessun rispetto per l’opposizione, che viene trattata alla stregua di qualsiasi altro spettatore delle vicende politiche cittadine e, cosa ancora più grave, nessun rispetto per gli elettori che, dopo anni di Commissariamento e ingerenze esterne, volevano che Augusta tornasse agli augustani onesti e per bene e invece la vedono affidata a chi ci viene forse solo a far carriera”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com