breaking news

Augusta | Giorno del Ricordo, il Comune lo celebra al Todaro e al villaggio Rasiom

9 Febbraio 2022 | by Redazione Webmarte
Augusta | Giorno del Ricordo, il Comune lo celebra al Todaro e al villaggio Rasiom
Attualità
'
0

Giornata del Ricordo per le vittime delle foibe e degli esuli. Un nuovo appuntamento con la storia. Il Comune la celebrerà domani 10 febbraio, data delle ricorrenza della stessa con il patrocinio dell’associazione nazionale Dalmata e in collaborazione con il III Istituto comprensivo “Salvatore Todaro” e la Società augustana di storia patria, focalizzando l’attenzione al quartiere Borgata dove insiste il “Villaggio Rasiom”.

Sarà celebrato il 10 febbraio il “Giorno del Ricordo”, una data che il Parlamento italiano, con la legge 92 del 30 marzo 2004, ha riconosciuto con l’obiettivo di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo degli istriani, fiumani e dalmati dalle loro terre nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. La nostra città – si legge in un messaggio a firma del sindaco Giuseppe Di Mare – da sempre terra d’accoglienza, ha dato ospitalità a diverse famiglie di profughi, molte delle quali si stabilirono nel quartiere Borgata. Il “Villaggio Rasiom” accolse non solo giuliani, ma anche famiglie provenienti da altre regioni d’Italia. Qui è cresciuta una seconda generazione… che è stata solo sfiorata dal dramma vissuto dai padri e con il tempo ha perso la memoria del passato. Augusta non intende dimenticare”.

Il programma, promosso dagli assessorati alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, con il patrocinio dell’associazione nazionale Dalmata e in collaborazione con il III Istituto comprensivo “Salvatore Todaro” e la Società augustana di storia patria, ha inteso focalizzare l’attenzione al quartiere Borgata dove insiste il “Villaggio Rasiom”. “Augusta non intende dimenticare” riferisce l’assessore alla Cultura Giuseppe Carrabino – . Abbiamo convenuto con la dirigente del III Istituto “Salvatore Todaro” Rita Spada di celebrare la giornata nel plesso “Saline” che sorge proprio nel quartiere in prossimità del “Villaggio Rasiom. Esprimo gratitudine ad Carla Isabella Elena Cace, presidente dell’associazione nazionale Dalmata che è nostro partner nell’organizzazione del Giorno del Ricordo con consigli e suggerimenti ”.

Il programma prevede un momento di incontro con gli alunni e la testimonianza del nostro concittadino Tullio Santalesa, esule istriano dal titolo “Augusta e il dramma delle Foibe”. Seguirà la commemorazione ufficiale nel piazzale antistante l’Istituto con i saluti istituzionali e la scopertura di una epigrafe commemorativa donata dalla Società augustana di storia patria, presieduta da Salvatore Romano. La cerimonia si concluderà con la deposizione di una corona d’alloro nel ricordo delle vittime. Il sindaco Giuseppe Di Mare ricorda che “già negli anni scorsi due vie del quartiere sono state denominate Trieste e Fiume, a queste si aggiungono due nuove denominazioni, Pola e Zara, che la nostra amministrazione ha voluto attribuire con specifica delibera di Giunta comunale affinché si conservi la memoria di questa triste pagina della nostra storia”.

“La denominazione di tali vie, in prossimità del Villaggio Rasiom – aggiunge l’assessore Carrabino – è un segno di solidarietà con gli abitanti del “villaggio” stesso, che Augusta ha accolto profughi ed inseriti nella sua grande famiglia. Si tratta di denominazioni che servono inoltre a ricordare una pagina della storia industriale della città, storia – come ha più volte ricordato Mario Mentesana nei suoi scritti – legata all’apporto dato da queste nuove forze scese dal nord: molti tecnici e maestranze, provenienti proprio dalla Raffineria “Romsa” di Fiume, furono gli artefici della nascita della locale Raffineria “Rasiom” quando ancora i nostri concittadini non avevano acquisito la necessaria conoscenza tecnica di questa nuova industria.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *