breaking news

Augusta| Il consigliere Canigiula denuncia lo stato di assoluto degrado della città e del suo territorio

Augusta| Il consigliere Canigiula denuncia lo stato di assoluto degrado della città e del suo territorio
Augusta
0
Dai mercati ai servizi igienici dei giardini pubblici, la situazione è intollerabile per una città civile. “La città – dice il consigliere comunale – sta andando verso un lento ma inesorabile declino. L’amministrazione ne è la prima responsabile”.

“Mentre l’amministrazione è stata impegnata ad auto smentirsi (debito), ad uccidere la cultura (Shortini), a trovare soluzioni ultraimpopolari (faro Santa Croce), o a tamponare falle al suo interno (bando nuovo assessore) in molte zone di Augusta, soprattutto mercatali – dice il consigliere comunale Enzo Canigiula – si convive con la sporcizia e in condizioni igienico-sanitarie da terzo mondo; cassonetti per i rifiuti posizionati in zone buie dove la fanno da padroni i cani randagi, motivo per cui molta gente si disfa dei propri rifiuti in orari “di sicurezza”; le strade sono impercorribili in molte zone urbane ed extraurbane; la sicurezza stradale è divenuta quasi un’utopia a causa di strisce pedonali “illeggibili” e di scarsissima illuminazione in moltissime zone (fatto da me già denunciato in Consiglio Comunale ma senza aver ottenuto alcun risultato). Non a caso proprio a ridosso o sopra strisce pedonali “invisibili” o in zone assolutamente buie negli ultimi  mesi sono accaduti due gravi incidenti stradali. Auspico un celere intervento di questa amministrazione per sistemare le strade almeno nelle zone più popolate. Ritengo inoltre di sconsigliare l’uso del cemento per tappare le buche, primo perché non credo sia il materiale più idoneo per eliminare il problema, e poi perché o si è contro la cementificazione o non lo si è. Nella zona dell’Hangar consiglio all’amministrazione di risalire, prima di qualunque altro intervento col cemento sul manto stradale, alle cause che generano quelle vistosissime perdite di acqua. “Come già da me denunciato nello scorso mese di ottobre – ribadisce il consigliere comunale –  nel mercato rionale del Sacro Cuore: mancano i servizi igienici; gli ambulanti fanno i loro bisogni sotto il cavalcavia, o nelle aiuole, oppure, in casi più estremi, all’interno dei casotti dove venivano custoditi gli attrezzi per la manutenzione; non esiste nemmeno una fontanella, per cui, dopo avere espletato i loro bisogni e con le mani non proprio igienizzate, gli ambulanti tornano a vendere tranquillamente generi alimentari. Anche al mercato ortofrutticolo che viene allestito il giovedì e il sabato in via Marina Ponente nessuna fontanella; per espletare i loro bisogni gli ambulanti utilizzano un fetidissimo container posizionato a ridosso di punti vendita di generi alimentari; è una cosa incredibile a vedersi e dal fetore indescrivibile; Il mercato settimanale del Giovedì mostra le stesse incurie. Non è gratificante per un cittadino di Augusta sentirsi apostrofato da un cittadino di Priolo (peraltro collega consigliere comunale) che casualmente si è trovato a passare accanto ai servizi igienici che insistono nella zona del mercato settimanale e che provocatoriamente si è offerto di venire a “pulire quel letamaio” (cit). Veniamo alla ciliegina sulla torta: Festa del S.Patrono. Un cittadino mi ha chiamato pregandomi di denunciare dei fatti che danno solo un’idea pessima della nostra cittadina. Il 22 maggio un gruppo di turisti francesi che si trovava ai giardini pubblici aveva bisogno dei servizi igienici. Bagni pubblici inutilizzabili e inavvicinabili. La salita dai ponti alla Villa disseminata di zecche. Zecche al parco giochi dei bambini. Solo tre WC mobili (uno chiuso con un lucchetto) posizionati alle spalle dell’ex Cineteatro Kursaal.Scarsi controlli e ambulanti che facevano i bisogni dentro le buste e le bottiglie di plastica che abbandonavano sotto le automobili parcheggiate con gravissime ripercussioni per l’igiene. Collocazione di cassonetti per rifiuti solidi in zone senza illuminazione, in particolare nell’area tra Monte Sant’Elena e Capo Campolato; tutto intorno  rifiuti di ogni genere che danno il senso di discariche abusive; sarebbe inoltre interessante sapere a che punto è lo studio delle cosiddette isole ecologiche e lo studio del centro comunale di raccolta (che pare debba sorgere in area ex Plastjonica. Ricordo a tal proposito che Augusta conta circa 40.000 abitanti e che a mio avviso quell’area è insufficiente per lo scopo). La città sta andando verso un lento ma inesorabile declino. L’amministrazione ne è la prima responsabile. Una amministrazione di “forestieri”. A mia memoria non ricordo di un Sindaco che abbandona la processione del Santo Patrono prima che questa giungesse a conclusione, mortificando una città intera e facendoci vergognare agli occhi delle Autorità presenti alla Processione”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com