breaking news

Augusta| Il consigliere Di Mare contrario ai centri per migranti

12 Gennaio 2018 | by Redazione Webmarte
Augusta| Il consigliere Di Mare contrario ai centri per migranti
Politica
'
0

Monta la polemica per la prevista nascita del centro di primo soccorso, identificazione e accoglienza per migranti al porto e di un Cas (centro di accoglienza straordinaria) nell’area dell’ex consorzio Asi. Augusta paga già un prezzo alto” dichiara il consigliere comunale di #PerAugusta, Giuseppe Di Mare che si schiera conto la realizzazione delle due  strutture.

Sembra che una regia nazionale, con il tacito assenso di basisti locali,voglia trasformare Augusta in una nuova Mineo – dice Di Mare – le forzature che il ministero dell’Interno insieme con gli organi territoriali stanno attuando sul nostro Comune ci lasciano veramente amareggiati.  Credo che il CPSA (Centro di primo soccorso e accoglienza) rappresenti la pietra tombale allo sviluppo del porto commerciale ed è evidente, a mio giudizio, come qualsiasi struttura dedicata all’accoglienza dei migranti sia incompatibile con lo sviluppo del nostro scalo”.

il consigliere Giuseppe Di Mare

Il consigliere comunale nutre forti dubbi anche sulla temporaneità della struttura, gli stessi dubbi che, a suo parere, qualche rappresentante nazionale avrebbe dovuto fugare quando si parlava della sede dell’Autorità di sistema portuale del mare della Sicilia orientale. Per Di Mare il disegno ormai è chiaro ed è quello di ridurre al minimo le possibilità di sviluppo del porto di Augusta con i comportamenti consenzienti di basisti locali.

“Ma c’è di più – continua Di Mare – sembra ormai certa la nascita di un centro di accoglienza straordinaria (Cas) nel nostro territorio, per ospitare ulteriori 150 migranti: noi diciamo no anche a questa nuova struttura. Augusta e il suo porto non possono diventare il centro nazionale dei migranti, altrimenti si dica chiaramente che è questo il progetto e ognuno, di conseguenza, si assuma le proprie responsabilità senza giocare a nascondino. La gestione dei centri di accoglienza è in mano ai privati nel nostro Paese, il più delle volte – conclude il Consigliere Comunale di #PerAugusta –  animati solo dall’interesse del business dell’accoglienza; temo che qualcuno abbia messo gli occhi sulla nostra terra”.

Nei giorni scorsi il sindaco, Cettina Di Pietro ha fatto sapere che la Prefettura di Siracusa ha convocato una conferenza dei servizi propedeutica alla creazione di un centro Cas, ricordando che il Consiglio comunale era stato avvertito dallo stesso primo cittadino in Aula del fatto che, la contrarietà espressa dalla civica assemblea alla creazione di un centro Sprar ,che è una struttura di seconda accoglienza per migranti, avrebbe sicuramente portato alla nascita di un Cas.

Il consiglio comunale, lo scorso autunno, con i soli voti della maggioranza pentastellata ha detto no agli Sprar, mentre l’opposizione, pur non votando, nella discussione in Aulla si è dichiarata sfavorevole anche alla nascita di un centro di primo soccorso, identificazione e accoglienza al porto. A questa struttura che sta per essere realizzata si aggiunge ora il Cas.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com