breaking news

Augusta| Il documentario siciliano vince in Grecia

24 Ottobre 2016 | by Redazione Webmarte
Augusta| Il documentario siciliano vince in Grecia
Cultura
'
0

“Tà gynaikeia. Cose di donne” del regista Lorenzo Daniele riceve il premio migliore script all’Agon Film Festival di Atene.

650x50_rassegna

Si è conclusa domenica la kermesse della decima edizione dell’Agon Film Festival, una tra le più importanti competizioni europee di cinema archeologico che si è svolta ad Atene dal 17 al 23 ottobre. Oltre ottanta i film in concorso provenienti da tutto il mondo, solo quattro i documentari di produzione italiana selezionati da Memi Spiratou, presidente dell’Agon, e dalla sua equipe che da venti anni (il festival è a cadenza biennale) porta avanti una manifestazione di alto livello organizzativo e culturale.

Il film del regista siciliano Lorenzo Daniele, già vincitore della menzione “Archeoblogger” alla XXVI edizione della Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto, si è aggiudicato il premio per la migliore sceneggiatura, scritta dall’archeologa Alessandra Cilio, da anni impegnata nell’ambito della comunicazione dell’antico attraverso i media. Il documentario, prodotto interamente in Sicilia nel 2015 dalla Fine Art Produzioni,  cofinanziato dalla Filmcommission Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo nell’ambito del progetto “Sensi Contemporanei”, col patrocinio del Comune di Troina dove sono state girate parecchie scene del film e della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università di Catania, ha ottenuto da un anno a questa parte importanti riconoscimenti oltre ad essere stato proiettato in numerosi cinema a livello regionale e nazionale.

“Abbiamo prodotto Cose di donne con l’intenzione di esplorare la storia della Sicilia da un punto di vista femminile” –afferma il regista Lorenzo Daniele- “combinando le informazioni sull’antico che provengono dalla ricerca archeologica con le storie di donne siciliane contemporanee. Abbiamo cercato di tradurre i rigorosi dati scientifici in morbido racconto, in storie capaci di veicolare non solo informazioni, ma anche contenuti di importanza universale. E’ così che presente e passato si intrecciano, formando un’unica storia”.

bloggif_lungobisIl film segue un duplice registro: da una parte ci sono i reperti  (ripresi grazie alla preziosa collaborazione con il Museo Paolo Orsi di Siracusa e il Museo Archeologico di Gela), le informazioni storiche, i miti e i culti legati al mondo femminile in Sicilia; dall’altra donne di oggi, donne vere, in carne e ossa, appartenenti a generazioni diverse, diverse anche per provenienza e vissuto: la scrittrice Simonetta Agnello Hornby, l’attrice Donatella Finocchiaro, la fotografa Letizia Battaglia, l’imprenditrice vinicola Arianna Occhipinti, la ricercatrice Angela Catania, ma anche donne non conosciute che hanno vissuto la seconda guerra mondiale, come Concetta Venezia e Angela Guagliardo. Ciascuna donna ha una storia da raccontare e ognuna di esse trova sempre un collegamento con il mondo antico, mostrando come in fondo presente e passato non siano così distanti.

“La vittoria di questo premio” -aggiunge il regista- “è per noi una grande gioia, ma ciò che ci rende veramente soddisfatti è la presenza a manifestazioni come l’Agon che contribuiscono a divulgare il cinema documentario, che soffre, soprattutto in Italia, di un deficit di distribuzione. Festival e rassegne rappresentano per i produttori di questo genere cinematografico, una grande risorsa e per questo vanno sostenuti con grande impegno”.

Tra le nove categorie di premi assegnati all’Agon Film Festival (tra queste anche un premio speciale intitolato al pioniere della documentaristica subacquea Francesco Alliata), quello alla sceneggiatura attribuito al film siciliano, rappresenta dunque un vanto per una terra, la Sicilia,  dove il cinema documentario ha origini lontane e continua ancora ad essere protagonista nel panorama cinematografico internazionale.

da sinistra_Memi Spiratou direttrice dell'Agon Film Festival, il regista Lorenzo Daniele, la sceneggiatrice Alessandra Cilio.JPG

da sinistra: Memi Spiratou direttrice Agon Film Festival, il regista Lorenzo Daniele, la sceneggiatrice Alessandra Cilio

bloggif_57d1761565634

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com