breaking news

Augusta| Il Far West delle affissioni, e non solo…Di Mare attacca l’amministrazione.

Augusta| Il Far West delle affissioni, e non solo…Di Mare attacca l’amministrazione.
Politica
0

“Affissioni fai da te ad Augusta con l’invasione della cartellonistica abusiva, mercati non controllati e bancarelle a ogni angolo della città”. Sono problemi sollevati dal consigliere comunale Giuseppe Di Mare. Replica il sindaco, Cettina Di Pietro.

“Potremmo definirlo il “regno dell’abusivismo” in barba a chi paga regolarmente, rispetta la legge e paga le tasse. Passeggiando per le strade della nostra città non è raro trovare degli impianti pubblicitari da un giorno all’altro montati e, o coperti dagli avvisi del Comune che ne dichiarano la non autorizzazione per un solo giorno perché rimpiazzati subito con nuovi manifesti senza che chi deve far rispettare la legge proceda a farlo. Eppure quegli impianti sono lì da anni, continuano non solo a restarci, ma  anche a ospitare campagne pubblicitarie e di comunicazione per il resto dell’anno con lauto guadagno di chi li gestisce”. Ciò è quanto lamenta il consigliere di #perAugusta, Giuseppe Di Mare.

Secondo il consigliere che siede tra i banchi dell’opposizione, questo: “è solo uno dei tanti aspetti  di una città come la nostra, dove si vive nell’approssimazione e nella mancanza di controllo, creando caos, confusione, ma soprattutto la sensazione di una città in cui ciascuno si può fare le proprie regole senza alcun cenno di legalità. Solo pochi giorni fa avevo denunciato attraverso un video sulla mia pagina Facebook la richiesta di un imprenditore di Augusta la richiesta di effettuare a sue spese la manutenzione gratuita su un impianto che sta cadendo a pezzi. Richiesta che, da anni, non riceve risposta e rimane tra le carte che prendono polvere sulle scrivanie del Comune.

Dall’altra parte però proliferano gli impianti abusivi, sotto lo sguardo assente dell’amministrazione cittadina, che come massimo segno di vitalità ogni tanto segnala la non conformità coprendo qualche campagna pubblicitaria, salvo tornare a sonnecchiare e lasciare che ogni cosa scorra in questo Far West senza un  intervento regolato serio, capace ed efficace a volte anche estremo. Un atteggiamento che non possiamo tollerare ancora e su cui chiediamo urgenti interventi, cioè la rimozione di tutti gli impianti abusivi e l’aggiornamento del Piano regolatore degli impianti pubblicitari”.

Il sindaco, Cettina di Pietro replica comunicando che, per quanto riguarda il problema delle affissioni con l’assessore al Bilancio Giuseppe Canto sta scrivendo alla Publiservizi, affinché, al momento, non vengano più concesse autorizzazioni. “La Polizia municipale, a seguito di un mio atto di indirizzo del 29 marzo scorso- dice il sindaco – deve diffidare i titolari degli impianti pubblicitari a provvedere alla rimozione.

L’ufficio Urbanistica con lo stesso atto è stato invitato a riformulare il piano delle affissioni perché nel Comune ci possono essere essere circa 50 spazi espositivi, quindi, certamente i manifesti devono essere rimossi dall’area esterna del campo Fontana perché, visto che il sito sarà bonificato, abbiamo stabilito che nel muro perimetrale non potranno più essere affissi manifesti 6 per 3 e quindi stiamo lavorando alacremente per risanare delle situazioni che abbiamo ereditato con un organico sempre più ridotto.

I problemi dei mercati – aggiunge  esistevano prima che io mi insediassi, quello del Sacro Cuore, per esempio, è un mercato abusivo da circa 40 anni. Non è toccando i punti più critici di un’amministrazione che il consigliere Di Mare  risolve i problemi. Problemi che conosce benissimo e per onestà intellettuale dovrebbe sapere che esistono da molto tempo. Gli ricordo, ancora una volta, che lui sedeva tra i banchi di un Consiglio sciolto per presunte infiltrazioni mafiose”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com