breaking news

Augusta| Il Liceo “Megara” celebra Shoah, Foibe e altri genocidi dimenticati

2 Febbraio 2018 | by Redazione Webmarte
Augusta| Il Liceo “Megara” celebra Shoah, Foibe e altri genocidi dimenticati
Attualità
'
0

Un evento intenso per le forti emozioni suscitate, elegante nella corale partecipazione dell’intero istituto e incisivamente culturale per la scelta dei contenuti che lo hanno animato è stato quello che si è celebrato ieri al Liceo Mègara. Nella giornata dell’1 febbraio (data simbolica, perché intermedia  tra il 27 gennaio, giornata della memoria e il 10 febbraio, giorno del ricordo),  la scuola augustana ha testimoniato l’adesione alle proposte del Miur che invita, come ogni anno, ad organizzare eventi per commemorare le due giornate.

Il liceo“Mègara”, diretto da Agata Sortino, ha espresso forte spessore culturale, spaziando dalla classicità alla modernità, fornendo agli alunni elementi  per comprendere  il  fenomeno della Shoah e delle Foibe,  nonché altre forme di discriminazioni  mai sopite, ma che oggi più che mai sembrano  proliferare. L’evento, coordinato dalla docente Francesca Solano (referente del dipartimento di Storia), che si è avvalsa della preziosa collaborazione dei docenti di storia Adelaide Scacco e Alfio Castro, si è articolato in due momenti significativi, la prima vissuta nelle classi, la seconda nel cortile della cittadella degli studi, dove anno sede i plessi del Mègara.

Una prima proiezione ha riguardato una testimonianza di Liliana Segre, sopravvissuta al campo di Auschwitz, recentemente  nominata senatrice a vita  dal presidente Mattarella, il cui  racconto costituisce una  testimonianza di grande valore per la memoria storica contro le mistificazioni storiche e ideologiche e contro il negazionismo. Una seconda proiezione ha riguardato la visione del  cortometraggio “Violini vibranti di memoria” realizzato dagli alunni del liceo, vincitore, lo scorso anno, della fase regionale di un concorso indetto dal Miur e che ha rappresentato una  riflessione sulla Shoah che, pur partendo da una indagine rigorosa su fatti, atti, documenti, notizie, testimonianze, ha superato il solo strumento informativo, giungendo attraverso immagini, suoni, evocazioni, musiche, ad una interpretazione dei fatti che ha risvegliato coinvolgimento emotivo e spirito corale; infine  suggestive  riflessioni sulla shoah presentate  da una serie di personaggi del mondo dello spettacolo

Il secondo momento, è stato molto intenso: catturati ed emozionati da un recital coordinato e diretto dal docente di lingua e letteratura inglese, Carmelo Giummo che,  partendo da un confronto della condizione degli Ebrei nell’Italia del ‘500 con  quella inglese shakespeariana è approdato alle note di Pasolini toccando le varie sfaccettature in cui le forme di  discriminazione si manifestano: religiosa, etnica, sessuale. Quindi è stata la volta dell’intervento di Gabriele Spagna, responsabile e ministro di culto della sinagoga di Siracusa, col quale gli studenti hanno condiviso  anche le loro riflessioni. A chiusura dell’evento una struggente ed emozionante performance, coordinata dalla docente di scienze motorie, Maria Grazia Muscolino, ha coinvolto tutta la comunità scolastica. Hanno fatto da cornice alla celebrazione l’arte: l’immagine-poster, realizzata dall’alunno Daniel Tringali, il canto dell’alunna Denise Mangiavillano e la mostra allestita sul prato riguardante: Foibe,  alcuni genocidi del ventesimo secolo e leggi razziali. Per docenti e alunni è stata una giornata bellissima e coinvolgente.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com