breaking news

Augusta | Il Ruiz alle finali nazionali di orienteering

Augusta | Il Ruiz alle finali nazionali di orienteering
Attualità
'
0

Le squadre dell’Arangio Ruiz, “Allievi” e “Allieve” hanno partecipato alle finali nazionali dei campionati sportivi studenteschi di orienteering, fase alla quale hanno avuto accesso dopo avere riportato una vittoria alle regionali svoltesi sul versante Sud dell’Etna a Piano Vetore – Serra la Nave.

Due squadre dell’Istituto superiore “Gaetano Arangio Ruiz” hanno partecipato alle finali nazionali dei campionati sportivi studenteschi di Orienteering che si sono svolte a Folgaria, in provincia di Trento con la partecipazione di oltre 700 alunni e 250 insegnanti. Le due squadre del Ruiz, “Allievi” e “Allieve”, formate da Domenico Patania, Pietro Paolo Patania, Cristiano Risetti, Carmen Lamia, Veronica Salemi e Sofia Di Bella e guidate dalle docenti Marinella Strazzulla e Matilde Di Grande, infatti avevano riportato una vittoria alle regionali svoltesi sul versante Sud dell’Etna a Piano Vetore – Serra la Nave, qualificandosi così per la finale nazionale. I giovani atleti, che si sono avvicinati a questa nuova disciplina soltanto da pochi mesi, hanno avuto la preziosa occasione di far parte della delegazione siciliana, costituita da trenta atleti provenienti da diverse parti della Sicilia, e sono volati in Trentino per disputare le finali di Badminton, Parabadminton, Orienteering e Trail-O, l’orienteering per persone con disabilità. L’Orienteering nasce all’inizio del XX secolo nei paesi scandinavi e consiste nel percorrere, il più velocemente possibile, un tragitto cartografato e definito da lanterne numerate fino al traguardo finale.

Velocità, orientamento, lettura della carta, ingegno, concentrazione, motivazione e team building sono le capacità fondamentali di una buona squadra orientista. “Per il gruppo è stata veramente un’esperienza elettrizzante” – dichiarano le docenti Marinella Strazzulla e Matilde Di Grande – “Martedì 24 maggio la prima gara tra gli splendidi boschi dell’Alpe Cimbra e mercoledì 25 maggio la staffetta veloce su strada nel centro storico di Folgaria. Certo il livello degli sfidanti era altissimo; in particolare gli atleti trentini, friulani e piemontesi erano irraggiungibili, forti del fatto che l’orienteering nasce in Italia proprio in quei boschi, dove questa disciplina è praticata da molti fin dalla più tenera età e ad alto livello agonistico. Comunque essere lì a condividere un’emozionante esperienza con giovani provenienti da ogni parte d’Italia è stato motivo di grande crescita ed arricchimento sia personale che di squadra ed ha lasciato ricordi indimenticabili in ognuno di loro. Senza considerare che gli studenti hanno avuto modo di apprezzare le bellezze paesaggistiche e culturali del territorio, dal Mart alla Campana dei Caduti, da Casa Depero a Base Tuono, da forte Belvedere al Muse”. Il Ruiz, della dirigente scolastica Maria Concetta Castorina, credendo fortemente nel valore formativo dello sport, ha partecipato ad un evento di rilievo nazionale, in quella che è stata per i ragazzi una competizione aperta ed inclusiva.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *