breaking news

Augusta | Il Sippe chiede un’ispezione ministeriale in carcere: “il personale non può più lavorare in sicurezza”

Augusta | Il Sippe chiede un’ispezione ministeriale in carcere: “il personale non può più lavorare in sicurezza”
Attualità
0

“Nella casa di reclusione di Augusta sarebbe auspicabile un’ispezione ministeriale urgente e l’avvicendamento dei vertici del carcere qualora dovesse essere accettata una loro eventuale responsabilità”. Lo chiede il segretario generale del Sippe Carmine Olanda in una nota inviata al capo del dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria per manifestare il malumore che regna tra il personale della Polizia penitenziaria che col trascorrere dei giorni si sente più a rischio, considerato il susseguirsi di episodi di violenza nel carcere di contrada Piano Ippolito, l’ultimo verificatosi lo scorso venerdì.

“Nel carcere di Augusta il personale di polizia penitenziaria riferisce di non poter più lavorare in piena sicurezza e serenità. Le tantissime problematiche emerse negli ultimi anni – scrive Carmine Olanda – sono state denunciate più volte al provveditore, anche durante le riunioni sindacali ma, nonostante le dichiarazioni del predetto dirigente generale ad affrontare e risolvere le questioni poste dal sindacato, nulla di concreto è accaduto. I detenuti sembrano aver preso il sopravvento e periodicamente, non mancano le aggressioni nei confronti dei nostri colleghi; l’ultima aggressione si è registrata qualche giorno fa”. Il segretario generale del Sippe confida dunque in un’ispezione ministeriale urgente che possa accertare eventuali responsabilità che: “qualora venissero individuate – sottolinea il sindacalista dovrebbero, a nostro avviso, portare all’avvicendamento dei vertici della casa di reclusione di Augusta. Siamo costretti a chiedere un suo autorevole intervento anche perché il provveditore, alle nostre segnalazioni, chiede solo spiegazioni all’autorità dirigenziale di Augusta che, ovviamente, tende a minimizzare ogni nostra doglianza e quindi l’intervento del provveditore dell’Amministrazione penitenziaria spesso si traduce in un nulla di fatto.

La gestione del carcere purtroppo non ci convince molto ecco perché le chiediamo azioni concrete e definitive. L’ultima aggressione di qualche giorno fa è solo la punta dell’iceberg ed è quindi necessario un accertamento urgente così da consentire al personale di ritrovare la serenità nello svolgimento delle delicate funzioni” conclude il segretario generale del Sippe Carmine Olanda, dicendosi certo di un autorevole intervento del capo dell’Amministrazione penitenziaria. La nota del sindacato è stata inviata per conoscenza anche al vice capo del dipartimento, al direttore generale del personale e della formazione, al provveditore regionale per la Sicilia, all’ufficio Relazioni sindacali Dap di Roma, alla direzione della casa di reclusione di Augusta, alla segreteria provinciale del Sippe e alla segreteria generale del Sinappe.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Allegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com