breaking news

Augusta| In Aula: presentazione nuovi assessori e definizione agevolata delle entrate.

Augusta| In Aula: presentazione nuovi assessori e definizione agevolata delle entrate.
Politica
0

Presentati al Consiglio comunale i nuovi componenti della giunta municipale. Approvato poi, con i soli voti della maggioranza, il regolamento per la definizione agevolata delle entrate non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale e delle intimazioni di pagamento.

Presentazione ufficiale da parte del sindaco, Cettina Di Pietro al Consiglio comunale, presieduto da Sarah Marturana, dei nuovi assessori Omar Pennisi e Andrea Sansone. La prima modifica nella compagine dell’esecutivo ha riguardato il settore Ecologia, dove al dimissionario Danilo Pulvirenti è subentrato Omar Pennisi, già impegnato nel progetto “Fare con meno” e attivista del Movimento Cinque Stelle, pertanto, come ha sottolineato il sindaco, in situazione di emergenza ha ritenuto opportuno procedere alla sua nomina.

Per quanto riguarda il settore Urbanistica: “dico io – sottolinea il primo cittadino – che è l’ennesimo assessore prima che lo evidenzino gli altri, perché è storia. Dopo l’assessore Roberta Suppo (che non poteva continuare a gestire sia i Lavori pubblici sia l’Urbanistica) chi ha messo piede in quell’ufficio è stato colto da grande sfiducia e senso di impotenza. Tutti conoscono i problemi annosi del settore Urbanistica, acuiti dalla presenza del personale precario con orario ridotto, alla mancanza di responsabili di settore e una grande mole di pratiche.

Per impegni lavorativi l’assessore Adriana Commendatore ha rassegnato le dimissioni, concedendomi il tempo necessario per trovare un sostituto. Sono stata criticata perché il neo assessore Andrea Sansone non è augustano e, pur consapevole del fatto che ci sono tanti validi professionisti locali, che ho avuto modo di conoscere anche discutendo di svariate pratiche che interessano il territorio, ritengo, come ho già detto, che il lavoro di professionista del settore tecnico in città sia incompatibile con il ruolo di assessore ed è ciò che è successo all’assessore Commendatore. La scelta è ricaduta, quindi, su un professionista esterno, peraltro del movimento, già candidato sindaco a Modica, del quale ho avuto modo di apprezzarne le capacità e anche se non conosce il territorio la cosa più importante è, a mio avviso che conosca il proprio mestiere”. Riferendosi a entrambi i nuovi assessori il sindaco ha concluso: “assumersi questa responsabilità a meno di un anno dalla fine del mandato in due settori così difficili e importanti denota una notevole voglia di impegnarsi”.

l consigliere Marco Niciforo di Augusta 2020 ha precisato che l’opposizione ha sempre contestato la scelta di nominare assessori forestieri: “non per una preclusione”. Personalmente ho ritenuto sempre più utile far crescere la nostra classe dirigente. “Non credo – ha detto – che per il poco tempo che rimane loro a disposizione, i 2 nuovi assessori possano incidere tanto nell’andamento degli uffici. Cercate di risolvere quanto meno i problemi più urgenti”. Entrambi gli assessori hanno manifestato piena volontà di spendersi per il territorio. L’assessore Sansone ha sollevato l’annoso problema che vede il Comune di Augusta operare con un Piano regolatore generale risalente a oltre 45 anni fa. L’assessore Pennisi, consapevole delle difficoltà che comporta il settore Servizi ecologici da quando si è insediato sta cercando di far fronte alle varie emergenze”.

“A 10 mesi dalle prossime elezioni amministrative – ha dichiarato il consigliere di #perAugusta Giuseppe Di Mare – questo cambio di squadra che rafforza il gemellaggio con Modica, rappresenta soprattutto all’Urbanistica, ma anche all’Ecologia, il fallimento di un’amministrazione. All’Urbanistica dal rafforzamento dell’organico, al Piano regolatore generale, al Piano urbanistico commerciale, al Piano degli impianti pubblicitari, al decoro urbano l’amministrazione non ha fatto niente. Per l’Ecologia i problemi sono noti a tutti soprattutto in questo periodo dell’anno”.

La maggioranza ha approvato poi, con i soli voti della maggioranza, il regolamento per la definizione agevolata delle entrate non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale e delle intimazioni di pagamento; la definizione agevolata delle entrate ai sensi del “Decreto Crescita” e ha votato la revisione straordinaria delle partecipate. Astenuto il consigliere di Dimes 25 Giuseppe Schermi, unico dell’opposizione presenta al momento della trattazione della votazione del punto.

“Con l’adozione del regolamento – spiega il capogruppo del M5S in Consiglio comunale, Mauro Caruso – si permetterà ai cittadini, che negli anni non hanno potuto pagare i tributi locali o le violazioni del Codice della strada, di regolarizzare la loro posizione nei confronti del Comune di Augusta. Il cittadino grazie al “Decreto Crescita” ha la possibilità di chiedere il versamento agevolato per i tributi per i quali ha ricevuto provvedimento di ingiunzione –intimazione di pagamento che sia stata notificata tra l’1 gennaio del 2000 al 31 dicembre 2017.

Al regolamento è allegata già la domanda che gli interessati potranno scaricare dal sito internet del Comune. La rottamazione consiste nello sgravio delle sanzioni corrispondendo la somma già dovuta con la sola aggiunta di interessi di mora dell’1%e le spese di notifica di ingiunzione con un risparmio generale del 30% circa. Relativamente alle violazioni del codice della strada saranno oggetto di pagamento eliminando gli interessi, compresi quelli di mora. Le somme potranno essere versate in un’unica soluzione se di importo inferiore ai 100 euro, oppure dilazionate in rate non inferiori a 50 euro entro il 30 settembre 2021”.

Il gruppo consiliare della maggioranza ha proposto emendamenti al regolamento per agevolare ancora di più l’utente con la proroga delle presentazione delle domande inizialmente fissata al 31 agosto al 30 settembre 2019. Ai contribuenti, ai quali verrà riconosciuto l’accesso al versamento agevolato, sarà data notizia entro il 31 ottobre prossimo e inizieranno a pagare a partire dal 30 novembre 2019. I tributi locali che sono soggetti a definizione agevolata sono: Ici, Imu, Tarsu, Tari, Tosap, “Questa – aggiunge Caruso – è un’occasione importante sia per il cittadino che potrà regolarizzare la propria situazione tributaria sia per il Comune che potrà riscuotere somme già destinate a servizi essenziali per la città. Il regolamento sarà pubblicato nell’Albo pretorio spiega nei dettagli le vie di accesso alla definizione agevolata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com