breaking news

Augusta | M5S sul ricorso respinto: motivazioni chiare, noi restiamo all’opposizione

Augusta | M5S sul ricorso respinto: motivazioni chiare, noi restiamo all’opposizione
Politica
'
0

All’indomani della sentenza del Tar, che ha respinto il ricorso degli 8 candidati nelle liste collegate al sindaco Di Mare ritenendolo infondato, il gruppo consiliare del M5S dichiara: “le motivazioni del rigetto sono chiare e nette e non lasciano alcun dubbio interpretativo. Noi restiamo a lavorare dai banchi dell’opposizione. Siamo poco interessati a poltrone e incarichi“.

Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle Augusta, composto da Roberta Suppo, Marco Patti e Chiara Tringali interviene dopo la sentenza della seconda sezione del Tar di Catania che ha rigettato il ricorso presentato da alcuni candidati delle liste che appoggiavano il candidato sindaco eletto Giuseppe Di Mare. “Le motivazioni sono chiare e nette e non lasciano alcun dubbio interpretativo, dando pienamente ragione alle posizioni da noi sostenute sin dal momento in cui si era palesato la possibilità di una richiesta di  pronunciamento del Tribunale Amministrativo. Restiamo quindi a lavorare dai banchi dell’opposizione. Lo faremo _ sottolineano Suppo, Patti e Tringali – con l’impegno con il quale abbiamo operato fino ad oggi”.

I tre consiglieri si dichiarano poco interessati a poltrone o a incarichi: “come abbiamo -puntualizzano – ampiamente dimostrato. A noi la cittadinanza ha dato il compito di vigilare scrupolosamente sull’attività della maggioranza. Lo faremo con intenzioni propositive, ma sempre pronti a denunciare, come è già successo, le cose che non vanno. Tocca all’altra parte dell’Aula di San Biagio ascoltare le nostre ragioni, e magari prestarci attenzione per evitare errori, anche clamorosi, a cui abbiamo dovuto purtroppo assistere”. Tra le proclamazioni a consiglieri contestate dai ricorrenti c’era quelle del capogruppo del M5S, Roberta Suppo (ex assessore e vice sindaco della Giunta pentastellata) e del consigliere Chiara Tringali eletta per la prima volta mentre non era in dubbio quella del consigliere Marco Patti al suo secondo mandato in Consiglio.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com