breaking news

Augusta | Magliette Bianche per le bonifiche del territorio

14 Dicembre 2022 | by Redazione Webmarte
Augusta | Magliette Bianche per le bonifiche del territorio
Attualità
'
0

Hanno stazionato per circa due ore in piazza Castello, all’interno dei giardini pubblici, in pieno clima natalizio, le “Magliette bianche” contro l’inquinamento e per le bonifiche del territorio. Anche quest’anno il battagliero don Palmiro Prisutto ha preso parte all’iniziativa.

“Magliette Bianche” in piazza Castello per dire No all’inquinamento e Sì alle bonifiche. Domenica pomeriggio nella piazza Castello della villa comunale, in prima linea don Palmiro Prisutto, che ha sempre lottato per la tutela della salute. “Da 40 anni diciamo le stesse cose ad un governo e a tanti governi, quelli precedenti, che sono rimasti sordi, muti e ciechi di fronte ad una delle più grandi tragedie dell’Europa” ha dichiarato l’ex parroco della chiesa Madre di Augusta. La manifestazione è stata organizzata dal comitato Stop Veleni, presente con le sue rappresentanti e portavoce Cinzia Di Modica e Giusi Nanè.

“Siamo le “Magliette Bianche” e questa è una manifestazione nazionale che oggi si tiene non soltanto nei siti Sin come quello di Priolo, ma in molte piazze della nostra nazione. Ciò che si chiede con un documento – ha ribadito Giusi Nanè– è sicuramente una bonifica , perché le bonifiche sono state inesistenti in tutti i siti Sin e Sir e si sollecita più attenzione rispetto a quelle che sono le patologie legate a questi territori; quindi rispetto del territorio, applicazione della normativa e interessamento anche della gente comune relativamente al problema che sembra un po’ congelato, a nostro avviso, e dunque le “Magliette Bianche” come ogni anno sotto le festività natalizie, (oggi anche il Papa ne ha parlato) richiamano l’attenzione e vorrebbero più che attenzione. Vorrebbero che si iniziasse un percorso di vere bonifiche poiché questi territori sono martoriati.

Anche nella di Augusta, Priolo, Melilli e Siracusa bisogna bonificare perché da ciò viene sia economia e sia lavoro e, ovviamente, benessere, salute per le popolazioni e rispetto del territorio. Se vogliamo dare una sferzata alla crisi che ci sta attanagliando partiamo con le bonifiche da cui verrà tutto quanto il resto e questo territorio rinascerà”. Le “Magliette Bianche” ad Augusta, con in mano cartelloni con su scritte frasi pro bonifica hanno evidenziato che: “la nostra salute viene prima del nostro profitto”. Hanno stazionato all’interno della villa comunale nei pressi dell’albero di Natale realizzato all’uncinetto e hanno continuato il sit – in anche durante gli eventi per le festività in programma la scorsa domenica. Nel documento inviato ai ministeri Ambiente e della Sicurezza energetica, delle Imprese e del Made in Italy e della Salute, al presidente della Regione Sicilia, agli assessori regionali  Territorio Ambiente, Attività produttive e Salute, ai sindaci di Augusta Priolo Melilli Siracusa.

“Le “Magliette Bianche” rappresentano cittadini che hanno a cuore la tutela della salute e dell’ambiente in quanto vivono all’interno o in prossimità di territori gravemente inquinati, classificati dal ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica e dalle Regioni come Sin o Sir (Siti interesse nazionale o regionale per le bonifiche da effettuare), oppure in territori in cui gli standard di qualità ambientale comunitari per aria, acqua o suolo potrebbero non essere rispettati. Auspicano un’attuazione piena delle leggi esistenti e la creazione di nuove norme nell’ottica di un’efficace tutela della salute; procedimenti amministrativi e penali rapidi ed efficaci, affinché il principio “chi inquina paga” sia realmente rispettato e che siano finanziate le bonifiche anche dalle aziende colpevoli, con ristoro dei danni subiti dalla collettività. Lo slogan della manifestazione di quest’anno è stato, infatti “Giustizia ambientale per le popolazioni ed i territori Sin”.                          

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 285

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *