breaking news

Augusta | McDonald’s in Corso Sicilia: Natura Sicula ricorre al Tar

Augusta | McDonald’s in Corso Sicilia: Natura Sicula ricorre al Tar
Attualità
'
0

Per salvare dal cemento quello che definisce “il giardino di Corso Sicilia”, l’associazione Natura Sicula ricorre al Tar contro l’affidamento della area alla società che dovrà realizzare un fast food. L’“accoglimento della proposta della società Mcdonald in zona F del territorio del Comune di Augusta” argomento di discussione del Consiglio comunale di oggi. La seduta è stata convocata per le 18. A chiedere di portare in aula la questione sono stati i consiglieri di opposizione.

“Salvare il giardino pubblico di corso Sicilia dalla cementificazione, preservando una delle ultime aree verdi alberate della borgata di Augusta”. Con quest’obiettivo, Natura Sicula, assistita dall’avvocato Sebastiano Papandrea, ha impugnato dinnanzi al Tar di Catania, chiedendone l’annullamento, la delibera di Giunta municipale che consegna alla Mcdonald’s il terreno comunale adiacente al Palajonio per la realizzazione di un fast-food con parcheggi e servizio
drive. “La delibera di Giunta, adottata esautorando il Consiglio comunale e in assenza di previo bando pubblico – sottolinea il presidente dell’associazione Fabio Morreale – sancisce la sostanziale “perdita” di un bene comunale vincolato dal Piano regolatore a zona per «attrezzature e impianti d’interesse generale». Un’area verde che lo stesso Comune di Augusta, tra fine anni ’90 e primi anni 2000, aveva provveduto a realizzare attraverso la
piantumazione di specifiche essenze arboree”.

Come evidenzia Natura Sicula: “il progetto della Mcdonald’s, sprovvisto tra l’altro delle necessarie e preventive valutazioni ambientali, prevede infatti la totale cementificazione dell’area comunale previa «rimozione della
vegetazione», ossia degli alberi ad alto fusto e del boschetto a “palma nana” che compongono il giardino.

Consumare in maniera irreversibile il superstite suolo inedificato, anziché recuperare edifici abbandonati – aggiunge Morreale – appartiene a un’insostenibile tradizione di politica urbanistica che è necessario relegare al passato per conservare, difendere e valorizzare le rimanenti risorse naturali e paesaggistiche «anche nell’interesse delle future generazioni», come ci ricorda l’art. 9 della nostra Costituzione”. Con questo ricorso al Tar, Natura Sicula intende scongiurare l’ennesima inutile “colata di cemento” in un territorio, quello di Augusta, che ha estremo bisogno di spazi aperti e “polmoni verdi” per compensare l’espansione edilizia e industriale e innalzare la qualità della vita dei
cittadini. Per oggi alle 18 è stata convocata dal presidente Marco Stella, su richiesta dei consiglieri di opposizione, una seduta di Consiglio comunale con all’ordine del giorno. L’“accoglimento della proposta della società Mcdonald in zona F del territorio del Comune di Augusta”

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *