breaking news

Augusta | Muscatello: liste di attesa e assenza di fisioterapia, Lo Turco dello Spi-Cgil lancia un appello

Augusta | Muscatello: liste di attesa e assenza di fisioterapia, Lo Turco dello Spi-Cgil lancia un appello
Sanità
'
0

“Rendere più snelle le lunghe liste di attesa, fornire un servizio di fisioterapia, indispensabile soprattutto per gli anziani e per questi ultimi agevolare il trasporto urbano per il Muscatello”, il segretario dello Spi-Cgil di Augusta Carmelo Lo Turco lancia un appello alla locale direzione sanitaria dell’Asp e al sindaco.

Le carenze che penalizzano la sanità ad Augusta vengono segnalate dal segretario del locale Spi Cgil, Carmelo Lo Turco che lancia un appello al distretto sanitario cittadino dell’Asp e al sindaco Giuseppe Di Mare, che è responsabile della salute pubblica. Il sindacalista lamenta: lunghe liste di attesa, e l’assenza di un servizio di fisioterapia che costringe gli anziani a recarsi altrove, con gravi disagi, per usufruirne. Inoltre chiede la possibilità di varcare i cancelli del nosocomio per i conducenti dei pullman che servono il servizio di trasporto urbano e che effettuano le fermate nei pressi dell’ospedale. Ciò comporta per le persone anziane il rischio in quanto per raggiungere il Muscatello è necessario attraversare una strada alquanto trafficata e lungo la quale spesso gli automobilisti mantengono alta la velocità di percorrenza.

“Ci troviamo costretti ancora una volta, oggi, a parlare dell’ospedale Muscatello e delle molte mancanze che, più e troppe volte, abbiamo già denunciato. Con amarezza – sottolinea Carmelo Lo Turco dobbiamo continuare a parlarne poiché la situazione non è cambiata né, tantomeno, migliorata. Ogni giorno ascoltiamo le testimonianze di persone che attendono, anche un anno, per eseguire una risonanza magnetica o qualunque altro esame. Le liste di attesa e la mancanza di personale non agevolano chi, ogni giorno, cerca di aiutare i pazienti che ne hanno bisogno. Gli anziani sono costretti ad andare altrove per svolgere la fisioterapia. Per altrove si intende privatamente o, comunque, in altre città. Accade così che i terza età, sono quindi costretti a viaggiare anche tutti i giorni per un servizio che potrebbe essere molto efficiente nel nostro nosocomio”.

Il segretario dello Spi Cgil sottolinea, inoltre, il fatto che, quotidianamente nelle sale di attesa degli ambulatori si creano file interminabili e vengono previste anche 30 visite in mezza giornata con due, o addirittura un solo medico, in servizio. “Come sempre – aggiunge  il segretario dello Spi –Cgil – ci facciamo carico di dare risalto a problemi, ahinoi, divenute comuni in Augusta. Una sanità efficiente è sinonimo di un sistema sociale che funziona. Il nostro sistema sanitario, così com’è stato concepito, è riconosciuto a livello mondiale come uno dei migliori, in quanto rispecchia il principio che, le cure mediche sono un diritto per tutti, indipendentemente dallo stato sociali a cui appartengono coloro che   ne hanno bisogno. Ascoltare le opinioni di chi è costretto, suo malgrado, a cercare aiuto in campo medico è uno dei più efficienti strumenti per migliorare la messa in pratica di questo sistema. Ogni giorno percepiamo il calo della fiducia delle persone sempre di più scoraggiate dai tanti ostacoli posti sulla strada di chi dovrebbe essere aiutato più di ogni altro. Purtroppo- conclude il sindacalista- questo è uno scenario a cui ci stiamo passivamente abituando, ma non ce lo possiamo permettere sia come augustani sia come cittadini parte di una provincia, quella di Siracusa, che ha fatto delle eccellenze il suo fiore all’occhiello”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *