breaking news

Augusta | Nel santuario della Madonna Adonai laboratorio sul territorio

29 Novembre 2021 | by Redazione Webmarte
Augusta | Nel santuario della Madonna Adonai laboratorio sul territorio
Cultura
'
0

Laboratorio di progettazione per conoscere e tutelare il territorio, ieri, nel santuario della Madonna dell’Adoniai a cura di Italia Nostra Augusta. La sezione locale dell’associazione, presieduta da Jessica Di Venuta, è una delle 19 in Italia scelte per dar vita all’iniziativa.

Il santuario della Madonna dell’Adonai ha ospitato, ieri, il sesto laboratorio di progettazione per conoscere e tutelare il territorio, a cura di Italia Nostra Augusta. I lavori si svolti con successo in orario antimeridiano. La sezione di Augusta è una delle 19 in Italia scelte per dar vita all’iniziativa. “L’associazione, a livello nazionale, in aderenza agli obiettivi generali indicati dal ministero, si propone: di formare i propri iscritti e attivare nuovi volontari; di sensibilizzare i cittadini e le amministrazioni sulle priorità di un intervento nell’azione di tutela, conservazione e valorizzare dei beni culturali “minori” con particolare attenzione ai paesaggi che li contengono, in ragione di una situazione di compromissione derivata dal cattivo stato di manutenzione, dall’abbandono, dalle trasformazioni e dell’aumento del rischio di alterazione derivato dal modificarsi delle condizioni ambientali al contorno a seguito dei mutamenti climatici; di supportare con tali azioni e incentivare la crescita economica attraverso il riconoscimento di risorse che se conservate possono essere utilizzate in modo sostenibile sulla base di una più strutturata responsabilità sociale e di comunità” spiega Jessica Di Venuta, presidente di Italia Nostra Augusta che come attivatore di sezione ha partecipato insieme a Giulia Vitale.

Il progetto di Italia Nostra si articola in momenti di formazione e di attivazione di laboratori di progettazione partecipati dalle comunità, individuando azioni concrete da condividere e realizzare con le amministrazioni locali, nella certezza che una consapevolezza e una cultura tecnica diffusa possano agevolare la partecipazione attiva dei cittadini e sostenere processi di salvaguardia e conservazione dei beni comuni. L’attività che Italia Nostra ha avviato dal 31 marzo scorso e che proseguirà per diversi mesi, interessa inizialmente 19 sezioni che già nell’ultima fase del progetto diverranno molto più numerose, consolidando la modalità d’approccio sottesa dal progetto. Il progetto è realizzato con il finanziamento concesso dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali per l’annualità 2020 a valere sul Fondo per il finanziamento di progetti e attività di interesse generale nel terzo settore di cui all’art. 72 del decreto legislativo117/2017. In questa esperienza Italia Nostra ha da subito coinvolto Icomos e sta proseguendo nell’individuazione di apporti volontaristici di altre realtà autorevoli in relazione ai temi del progetto; ha inoltre ottenuto il sostegno e l’adesione di un consistente numero di amministrazioni comunali.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com