breaking news

Augusta| “No Zes no Veleni”: la scritta che ha imbrattato Palazzo San Biagio

3 Settembre 2019 | by Redazione Webmarte
Augusta| “No Zes no Veleni”: la scritta che ha imbrattato Palazzo San Biagio
Attualità
1

Imbrattata la facciata di Palazzo san Biagio con la scritta “No Zes no Veleni”. Parole di condanna verso l’atto vandalico sono state espresse con preoccupazione dal sindaco e da alcuni consiglieri questa mattina in sede di Consiglio comunale.

Con spray di colore rosso è stata scritta sulla facciata di Palazzo San Biagio da ignoti la frase “No Zes no veleni”. La scoperta, stamattina, da parte di consiglieri, assessori e sindaco che si sono recati nell’edificio di via Roma per partecipare alla programmata seduta di Consiglio comunale. Imbrattata la parte del prospetto centrale più vicina alla porta di accesso ai partecipanti attivi alle sedute, che segue quella da cui fa, invece, ingresso il pubblico. Parole di biasimo verso l’atto vandalico sono state espresse in Aula dal sindaco Cettina Di Pietro dal capogruppo del centrosinistra Giancarlo Triberio, dal consigliere di Diems25 Giuseppe Schermi e dal capogruppo del Movimento 5 stelle, Mauro Caruso.

“Qualche giorno addietro è apparso un altro striscione di analogo contenuto – ha detto il sindaco Di Pietro – l’autorità giudiziaria è stata già informata dell’avvenuto imbrattamento del palazzo comunale che è la sede di rappresentanza democratica dei cittadini. Mi riservo di approfondire il tema, trovo assolutamente fuorviante un accostamento che viene fatto ai veleni con le Zone economiche speciali. Prima di lanciarsi in questo tipo di campagne fortemente condizionanti e sbagliate bisognerebbe informarsi su cosa sono le Zes, su cosa possono comportare per Augusta e su come si sta muovendo l’amministrazione comunale”. Il primo cittadino ha concluso il suoi intervento sulla spiacevole vicenda con l’augurio che l’attività della magistratura “possa fare il suo corso nell’immediato”.

One Comment

  1. Nicola Adragna says:

    Amore per il bene comune imbrattando il bene comune?
    Qualcosa nel cervello non è stata collegata bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com