breaking news

Augusta | ON LINE il numero 11 de ‘LA DOMENICA’, il settimanale di Webmarte

8 Gennaio 2023 | by Michele Accolla
Augusta | ON LINE il numero 11 de ‘LA DOMENICA’, il settimanale di Webmarte
Attualità
'
0

Per leggere ‘LA DOMENICA’ in formato pdf, con l’editoriale del Direttore, Michele Accolla, e tutti gli articoli pubblicati nella settimana basta cliccare qui.

L’editoriale di Michele Accolla

La prima settimana del 2023 è stata segnata dall’addio a Papa Benedetto XVI, il primo papa emerito della storia della chiesa cattolica. Un addio segnato da commozione e polemiche.

Mentre molti si scoprono suoi estimatori, creano scompiglio le accuse del suo segretario personale monsignor Georg Gänswein, contenute nel suo libro “Nient’altro che la verità. La mia vita al fianco di Benedetto XVI”, che coinvolgono i vertici della chiesa, e non risparmiano neanche Papa Francesco.

Ci ha lasciati un altro grande personaggio pubblico, Gianluca Vialli è andato a rafforzare lo squadrone dell’aldilà, dove trova Paolo Rossi, Siniša Mihajlović e Pelè, solo per ricordare gli ultimi campioni arrivati.

Vialli non era solo un campione di calcio, era un campione di amicizia e allegria, la sua vicenda umana ha coinvolto anche chi non è appassionato di sport.

Ci lascia le sue imprese sportive, ma soprattutto il coraggio con cui ha affrontato la malattia, esempio e conforto per i tanti che vivono lo stesso calvario.

Ma il ricordo più emblematico è la foto dell’abbraccio, dopo la vittoria della nazionale di calcio agli europei del 2021, con Roberto Mancini, l’amico di sempre con cui ha condiviso successi e delusioni.

Quella foto è ormai l’icona dell’amicizia, dell’affetto vero.

La politica scalda i motori, in vista delle elezioni di primavera, quando si voterà nel Lazio e in Lombardia, ma anche in Sicilia, in alcune città tra cui Siracusa.

Mentre il governo Meloni può approfittare di un’opposizione alla ricerca di un’identità, l’Anci Sicilia prende posizione contro la legge finanziaria 2023, approvata a fine anno, che, secondo il presidente dell’Associazione dei comuni siciliani, Leoluca Orlando, metterebbe a rischio di dissesto molti comuni.

La Regione Sicilia non è invece riuscita ad approvare la legge di bilancio, e sarà costretta all’esercizio provvisorio.

Ma le difficoltà finanziarie non hanno frenato la spesa di Palazzo d’Orleans.

Tra Natale e Capodanno, la Presidenza della Regione siciliana, con fondi del bilancio 2022, ha infatti acquistato beni vari per una spesa totale di 91 mila euro.

Tra gli acquisti natalizi, un televisore da 48 pollici oled motorizzato per 6.954 euro, biglietti da visita e materiale cartaceo per 2.305,19 euro, vestiario per il personale per quasi 50 mila euro.

Ben 661.207,32 euro, di cui 150.000 per arredi, saranno invece utilizzati per la ristrutturazione di un appartamento di 180 metri quadri a Roma, a pochi passi dalla Fontana di Trevi, che diventerà la nuova sede di rappresentanza della Regione.

Ma quella che ha provocato tensioni della giunta di governo, è la spesa di tre milioni e settecentomila euro, per l’allestimento della mostra fotografica “Sicily, Women and Cinema”, a Cannes in occasione del Festival del cinema in programma dal 16 e il 27 maggio.

L’iniziativa dell’assessore al Turismo, di Fratelli d’Italia, Francesco Scarpinato, che ha scelto l’affidamento  diretto dell’allestimento a una società lussemburghese, è finita sotto il tiro delle opposizioni, e non solo di quelle.

Ora è anche il presidente Schifani a volerne sapere di più, “Ho chiesto con una nota chiarimenti su questa vicenda che sconoscevo. Li attendo”, sono state le sue parole.

Si riprende la scena Cateno De Luca, l’ex sindaco di Messina che torna dopo un periodo di riposo forzato.

In un comizio a piazza Duomo a Taormina, l’istrionico deputato regionale ha annunciato la sua candidatura a sindaco della città Perla dello Jonio.

Dovesse essere eletto, dopo Fiumedinisi, Santa Teresa di Riva e Messina, Taormina sarebbe il quarto comune di cui diventa sindaco, un record.

Ma De Luca non si ferma, ha infatti stipulato con Vittorio Sgarbi, sottosegretario alla Cultura, quello che ha chiamato Patto di Taormina per le europee 2024.

Sud chiama nord per le autonomie e Rinascimento, insieme ad altri movimenti per una lista comune alle prossime elezioni per il Parlamento europeo..

Per il polo petrolchimico siracusano è stata un’altra settimana di passione, per l’effetto che provocherebbe la chiusura del depuratore consortile Ias, ormai imminente.

Il decreto ‘salva Ilva’, come è stato ribattezzato il decreto legge n. 2, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il giorno dell’Epifania, mentre sembra mettere al sicuro l’Isab di Priolo, non contiene nessun riferimento al depuratore.

Bisognerà attendere un provvedimento ad hoc, si parla di un Dpcm che sarebbe pronto, per scongiurare gli effetti della diffida inviata dell’amministratore giudiziario di IAS, Antonio Mariolo, alle aziende che producono i rifiuti trattati nell’impianto consortile, di avviare le operazioni di interruzione dei conferimenti.

Nel seguito l’elenco degli articoli pubblicati nella settimana, direttamente linkabili per la lettura. Buona domenica, buona settimana e un felice 2023.

Vai al n. 11 de ” La Domenica”

Vai al n. 10 de “La Domenica”

Vai al n. 9 de “La Domenica”

Vai al n. 8 de “La Domenica”

Vai al n. 7 de “La Domenica”

Vai al n. 6 de “La Domenica”

Vai al n. 5 de “La Domenica”

Vai al n. 4 de “La Domenica”

Vai al n. 3 de “La Domenica”

Vai al n. 2 de “La Domenica”

Vai al n. 1 de “La Domenica”

Vai al n. 0 de “La Domenica”

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 279

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *