breaking news

Augusta| Per la realizzazione dell’hot spot a rischio il futuro del porto

Augusta| Per la realizzazione dell’hot spot a rischio il futuro del porto
Politica
'
0

L’ex deputato regionale, Vincenzo Vinciullo teme per  il futuro del Porto di Augusta. Il rischio deriva dalla realizzazione di un hotspot.”Si fermino i lavori – dice l’ex parlamentare –  la città si riappropri del proprio futuro.  Al nuovo Ministro dell’Interno chiedo di mantenere l’impegno assunto con la città di Augusta.

“La Prefettura di Siracusa avrebbe consegnato i lavori per la realizzazione di un hotspot all’interno del porto Commerciale di Augusta” dichiara Vincenzo Vinciullo ricordando che, contro la realizzazione di questo hotspot  si  recò in Procura per denunciare le anomalie del bando e che, in seguito a quella denuncia, venne ritirato lo stesso bando da parte della società che era stata incaricata di gestire i lavori di realizzazione. “Stiamo parlando – prosegue Vinciullo della realizzazione del Cpsa, cioè di un Centro di primo soccorso e accoglienza, che dovrà ospitare migliaia e migliaia di migranti per i prossimi anni, che è stato riproposto, appaltato e ora, a quanto pare, consegnato. Già negli anni precedenti, questi lavori erano stati bloccati perché non si capiva il motivo per il quale il porto commerciale di Augusta dovesse essere sacrificato per finalità che nulla avevano a che fare con il nostro territorio. Oggi, nonostante la politica del Governo sia radicalmente cambiata, si vuole continuare a realizzare il Cpsa e non se ne comprendono più le ragioni”.

Dopo Fratelli d’Italia anche l’ex deputato regionale si rivolge al nuovo ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “Ministro – sottolinea  Vincenzo Vinciullo – che a novembre venne ad Augusta e si dichiarò contrario alla realizzazione di questa struttura, chiedo di mantenere l’impegno assunto e di bloccare la realizzazione di questo hotspot. Ciò che colpisce in tutta questa vicenda è il silenzio assordante dell’amministrazione comunale e delle forze politiche e sociali, come se questa struttura non minasse definitivamente il futuro del porto di Augusta”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *