breaking news

Augusta| Raccolta differenziata: l’assessore Pulvirenti traccia un bilancio

Augusta| Raccolta differenziata: l’assessore Pulvirenti traccia un bilancio
Attualità
0

Siamo quasi all’inizio del terzo anno del nuovo servizio di raccolta porta a porta e dopo il periodo di distribuzione dei mastelli e dei kit per la differenziata, che richiesto un giusto periodo di assestamento, l’assessorato ai Servizi ecologici studia i dati forniti l’ufficio del servizio ecologia, che ogni giorno lavora assiduamente per migliorare il servizio offerto ai cittadini.

“Spesso – afferma l’assessore ai Servizi ecologici Danilo Pulvirenti – si parla solo delle percentuali di raccolta differenziata, ma le informazioni che si possono ottenere da un servizio porta a porta come quello di Augusta sono diverse”. Di seguito se ne riportano solo alcune con un trend positivo che comunque si regista analizzando i dati di tutte le frazioni differenziate. Dal 2016 al 2018  si è registrata  la netta crescita delle percentuali con un picco del 40 % di differenziata. Ma il dato più interessante riguarda i rifiuti totali prodotti nel corso di questi tre anni 2016\2018.  Infatti paragonando i primi cinque mesi del triennio 2016\2018 è evidente come i rifiuti totali prodotti si riduca all’aumentare delle percentuali di raccolta differenziata. Non solo quindi si hanno più risorse recuperate, ma nel complesso si diminuiscono i rifiuti totali prodotti. Questo è uno degli effetti positivi del porta a porta che ci consente di ridurre i costi di smaltimento e quindi la Tari ai cittadini.  Infine la quantità dei rifiuti recuperati è in netta crescita nel corso del 2018 ma nel mese di maggio sono cresciuti anche i rifiuti indifferenziati a causa dell’aumento degli avventori delle zone balneari.

“Siamo soddisfatti dell’andamento della raccolta, anche se purtroppo le zone balneari ci faranno scendere in termini di percentuali di differenziata in quanto gli avventori estivi sono poco inclini a differenziare e la complessa situazione urbanistica dei villaggi non ci consente di fare una corretta pianificazione.  Il capitolato, in ogni caso prevede per quelle zone più isole ecologiche rispetto a prima, ma le risorse recuperate sono purtroppo poche e ringrazio gli operatori ecologici che in quelle zone stanno facendo un lavoro straordinario per riportare pulizia, anche se non ci danno nemmeno il tempo di pulire che subito conferiscono a qualsiasi ora del giorno senza nemmeno rispettare gli orari che sono serali- sottolinea  l’assessore Pulvirenti – stiamo valutando alcune migliorie in alcune zone case sparse più semplici da gestire, stiamo lavorando alla realizzazione del Centro comunale di raccolta e di un centro di riuso che ci consentirà di migliorare ancora la gestione del servizio, ma i dati confermano un cambio di tendenza al quale i cittadini augustani si stanno abituando godendo adesso dei lati positivi del porta a porta. Inoltre, essendo sopra il 30 % abbiamo scongiurato l’imposizione regionale che ci avrebbe visto costretti a spedire i rifiuti all’estero con un aggravio di costi sulle spalle dei cittadini, cosa che invece stanno vivendo altri comuni. Invito le utenze domestiche e non a usare meno plastica seguendo l’appello del ministro dell’Ambiente usando tante piccoli accorgimenti che possono alla lunga migliorare ancora i dati di raccolta. Il motto resta sempre quello che il Miglior rifiuti è quello che non si produce!” 

L’assessore fornisce un grafico che  evidenzia la forte crescita, dall’avvio del sistema di raccolta porta a porta, della percentuale di rifiuti che riusciamo a differenziare passando dal 3,31% (del gennaio 2016) al 38,67 (del maggio 2018). Un risultato straordinario, anche comparato a quello degli altri Comuni della Provincia, soprattutto considerando che ad Augusta il nuovo sistema di raccolta è partito a dicembre 2016, e solo in una porzione della città.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com