breaking news

Augusta | Società Augustana di Storia Patria. Al Comune una installazione artistica e toponomastica per indicare il “Viadotto Federico II”

19 Maggio 2021 | by Federico Tringali
Augusta | Società Augustana di Storia Patria. Al Comune una installazione artistica e toponomastica per indicare il “Viadotto Federico II”
Cultura
'
0

L’installazione sarà ufficialmente inaugurata dalla Società alla presenza del Sindaco, della Giunta e del Consiglio Comunale, insieme a una rappresentanza del “Corteo Storico-Medievale” del 1° Istituto Comprensivo “Principe di Napoli”.

Una installazione toponomastica per indicare il “Viadotto Federico II” che collega l’isola con la terraferma. È il dono offerto dalla Società Augustana di Storia Patria, con l’intento di decorare il muro di contenimento in mattoni bianchi il belvedere del “sidili o cocciu” prospiciente il Golfo Xifonio e commemorare l’imperatore Federico II, il primo Re di Sicilia con questo nome e il secondo della dinastia sveva degli Hohenstauffen.

Una pantografia realizzata su una lastra metallica in corten ed eseguita dall’impresa “Delta Impianti”.  “Il ritratto dello “Stupor Mundi” – afferma una nota della Società Augustana di Storia Patria – è l’elaborazione grafica di un affresco che si trova a Bassano del Grappa nel “Palazzo Finco”, dove l’Imperatore è raffigurato mentre offre un rametto di rose alla sua terza moglie Elisabetta d’Inghilterra.

La scelta, tra le tante rappresentazioni pittoriche e miniature prese in esame per il nostro intento, è ricaduta su questa per l’espressione del volto e per il gesto compiuto dal sovrano. Nel nostro caso ci è sembrato che l’immagine si prestasse bene per raffigurare l’immaginario segno d’affetto di Federico II verso questo luogo, da lui scelto per motivi politici e strategici volti a difendere il suo Regno di Sicilia. Luogo che dal suo titolo onorifico di “Augusto” prese il nome di “Augusta”, città che egli fondò dotandola di territorio, confini e del castello progettato dall’architetto Riccardo da Lentini.

Il castello è stato sintetizzato, nelle sue forme originarie essenziali viste dalle mura meridionali, cioè quelle munite della torre poligonale bugnata. Il dono, che è stato accolto e autorizzato di buon grado dall’Amministrazione Comunale, si abbina – conclude – al documentario “Identità siciliana: Augusta e Federico II” prodotto dalla Società Augustana di Storia Patria a cura del prof. Luigi Amato, e visibile sul sito. augustastoriapatria.it.”

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com