breaking news

Augusta| Sospensione provvedimento chiusura Inps richiesta dal comitato provinciale

Augusta| Sospensione provvedimento chiusura Inps richiesta dal comitato provinciale
Attualità
0

Il comitato provinciale dell’Inps chiede al presidente nazionale dell’Istituto di previdenza sociale Michele Boeri l’immediata sospensione del provvedimento di chiusura dell’agenzia di Augusta.

La richiesta è motivata dal fatto che la ragione addotta per la soppressione della sede è esclusivamente legata a ragioni di carattere economico –finanziario e non tiene invece conto della mole di lavoro espletata dalla locale agenzia che serve un bacino d’utenza di oltre 60 mila abitanti. Degli sportelli Inps di via Adua, infatti, usufruiscono non solo i residenti di Augusta, ma anche i cittadini di Priolo e Melilli. Il comitato provinciale Inps di Siracusa si dice  profondamente colpito dalla inaudita e inopportuna drasticità del provvedimento, e, pertanto,  rivolge un fermo invito al presidente Boeri di sospendere il provvedimento stesso e di bloccarne l’esecutività, invitando il prefetto di Siracusa,  il presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza,  il comitato Regionale Sicilia Inps, i direttori regionale e provinciale dell’Inps, i deputati nazionali e regionali, i sindaci di Augusta, Melilli e Priolo  ognuno per le proprie competenze, a condividere e sostenere la superiore richiesta.

“Avendo preso visione della determinazione numero 55 del 16 maggio 2018 a firma del presidente Inps Tito Michele Boeri con la quale viene sancita da parte dell’Inps la chiusura totale e definitiva dell’Agenzia di Augusta, giustificata esclusivamente da motivazione di carattere economico e finanziario, comunque interne all’Istituto – si legge in una nota –  il comitato provinciale Inps di Siracusa, oltre al richiesta di sospensione, chiede l’istituzione di un tavolo specifico di consultazione delle parti sociali tra cui suggerisce di essere incluso, in rappresentanza del territorio e delle città di Augusta, di Melilli e di Priolo Gargallo. Come già fatto in precedenza da questo comitato con ordine del giorno datato  4 aprile 2017 allorquando nel piano regionale di riordino a firma del direttore regionale Inps Sicilia, Sergio Saltalamacchia, era stato paventato il ridimensionamento della sede di Augusta, è oggigiorno nuovamente indispensabile per  noi sottolineare alcuni aspetti valutativi, che come già avvenuto l’anno precedente, non vengono minimamente considerati nell’attuale Provvedimento.

L’indice di produttività dell’Agenzia di Augusta, ad esempio, risulta in linea, se non migliore, rispetto ad altre strutture simili del territorio siciliano. Questo indice, infatti, nel  2016 era pari a 91 punti (dato Inps), collocandosi quindi ben al di sopra della media della maggior parte delle Agenzie Inps. È necessario, inoltre, esporre le caratteristiche e le peculiarità del Territorio interessato che, già da sole, avrebbero dovuto consigliare un atteggiamento più prudente e ponderato da parte delle direzioni regionale e nazionale Inps: l’agenzia di Augusta è all’interno del polo petrolchimico più grande ed importante dell’Europa meridionale; il porto di Augusta è sede dell’Arsenale della Marina militare italiana ed è uno dei porti più importanti di tutto il Mediterraneo per quanto attiene i traffici commerciali internazionali; la popolazione che, secondo la determinazione del presidente Boeri, dall’oggi al domani, verrà completamente privata di ogni servizio Inps sul territorio, è superiore ai 60.000 cittadini.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com