breaking news

Augusta| Stazione ferroviaria da “Terzo Mondo”

12 Gennaio 2017 | by Sebastiano Salemi
Augusta| Stazione ferroviaria da “Terzo Mondo”
Attualità
'
0

Disagi anche per le lunghe attese al passaggio a livello di viale Italia. Il Sindaco chiede a RTI di intervenire.

output_l2vs8d

Il passaggio a livello che insiste nel cuore del quartiere Borgata continua a creare gravi disagi alla circolazione veicolare per i frequenti disservizi. Non è da meno la stazione ferroviaria che rappresenta un biglietto da visita indecoroso per chi arriva in città.

La sala d’attesa è indecente e spesso viene usata come dormitorio dagli extracomunitari che vi trovano riparo nelle gelide nottate. Diverse le segnalazione fatte pervenire al Comune da parte di cittadini che lamentano tempi lunghi di chiusura del passaggio al livello di viale Italia, via Lavaggi e problematiche di igiene e sicurezza della sala d’attesa della stazione.

“L’amministrazione comunale – fa sapere il sindaco Cettina Di Pietro – si è da tempo attivata  confrontandosi sia con RFI che con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Riguardo ai tempi d’attesa che creano disagio al normale flusso della circolazione è giunta una prima risposta che fa riferimento ad un guasto agli apparati di circolazione tra le stazioni di Augusta e Brucoli. A tal riguardo – spiega il capo dell’amministrazione comunale – devo purtroppo notare che i tempi di chiusura sono rimasti eccessivamente lunghi e molto più frequenti. Sulle condizioni di igiene e sicurezza della sala d’attesa, la RFI ha inoltrato una nota al Comune, alle Forze di Pubblica Sicurezza, Prefettura e Questura locale chiedendo di “compartecipare alla soluzione della problematica”.

Abbiamo già avuto un colloquio nel mese di dicembre con un referente regionale RFI e pur essendo come amministrazione aperti a trovare una soluzione che riporti decoro e sicurezza alla stazione, dall’altra parte, atteso che i locali sono di esclusiva competenza di RFI che ne deve garantire pulizia e sicurezza, ribadiremo che le scelte aziendali di spending review che hanno portato ad eliminare la presenza di personale ferroviario nella stazione, non possono essere risolte da soggetti terzi e soprattutto, non possono ricadere in termini di peggioramento dei servizi e per gli utenti e disagio per la comunità locale. Infatti, l’automatizzazione del passaggio a livello ed il contestuale abbandono della stazione ha – ribadisce il Sindaco – creato solo disservizi, causando disagi ai cittadini che transitano da quella che è divenuta una arteria principale della città e agli utenti che si vedono fornire servizi sempre più scadenti. Invierò nuovamente formale richiesta a RFI in modo che si faccia carico delle proprie responsabilità tanto in merito alla sala d’attesa quanto sul malfunzionamento della chiusura del passaggio a livello”.

bloggif_57d1761565634

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com